Sonetti lussuriosi (edizione 1792)/XXI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto XXI

../XX ../XXII IncludiIntestazione 12 novembre 2011 100% Poesie

XX XXII
[p. 59 modifica]

SONETTO XXI.


 
    Stà sù non mi far male, oimè stà sù!
Stà sù crudele, se non morirò,
Lasciami stare perch’io griderò;
4Ahi! qual dolor! oimè non posso più!

    Vita mia, non gridar, stà un poco giù,
Lasciami fare, e soffri ch’io farò,
Più dentro ancor, più piano ch’io potrò;
8Se taccio che mi duol, non gridar tu:

    Oimè crudel ohimè! lasciami andar,
Guarda che fai, deh non mi tor l’onor,
11Se mi vuoi ben, deh non mi far gridar.

    Caro mio cor, non più gridar, amor
Quest’è tuo ben, stà giù non mi stentar,
14Che sempre il dolce vien dopo il dolor,

                    E per servirti ancor.
Te ’l farò in cul, ben mio, che non avrai
    17Dolor si grande, e l’onor salverai.