De la vωlgare εlωquεnzia/Libro I: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
 
{{Centrato|''Che co∫a sia il parlar vωlgare, ε cωme ὲ differεnte dal Grammaticale.''<br/>CAPIT<big><big>ω</big></big>L<big><big>ω</big></big> PRIM<big><big>ω</big></big>}}
 
Nωn ritrovandω iω, che alcunω avanti mε, habbia de la vωlgare εlωquεnzia niuna co∫a trattatω, ε vedεndω questa cωtal εlωquεnzia εssere veramente necessaria a tutti; Cωnciò sia, che ad essa nωn sωlamente gli homini, ma anchωra le’ femine, εt i piccωli fanciulli, in quantω la natura permette, si sforzinω pervenire, ε volendo alquantω lucidare la discreziωne di cωlωrω, i quali cωme ciεchi passeggianω per le piaze, ε pensanω spesse vωlte le co∫e pωsteriωri εssere anteriωri; cωn lω ajutω, che Diω ci manda dal Cielω, si sfωrzaremω di dar giωvamentω al parlare de le gεnti vωlgari.
 
 
{{Centrato|''Che l’homω sωlω ha il cωmεrciω del parlare.''<br/>CAP. II}}
 
Questω ὲ il nostrω verω, ε primω parlare; nωn dicω ‘nostrω’, perché altrω parlare ci sia, chε quellω de l’homω; perciò, che fra tutte le co∫e, che sωnω, sωlamente a l’homω, fu datω il parlare, sεndω a lui necessariω sωlω; cεrtω nωn a gli angeli, nωn a gli animali inferiωri fu necessariω parlare; adunque sarεbbe statω datω in vanω a cωstωrω, non havεndω bi∫ognω di essω. <big><big>ε</big></big> la natura certamente abωrri∫ce di fare co∫a alcuna in vanω. Se vωlemω poi sωttilmente cωnsiderare la intenziωne del parlar nostrω, niun’altra ce ne trωveremω, chε il manifestare ad altri i cωncεtti, per la quale sufficiεnzia d’intellεttω da chiarire i lωrω glωriω∫i cωncεtti, per la quale sufficiεnzia d’intellettω l’unω ὲ tωtalmente notω a l’altrω, o verω per sέ, o almenω per quel fulgentissimω specchiω nel quale tutti sωnω rappre∫entati bellissimi, εt in cui avidissimi si spεcchianω; Per tantω pare, che di niunω segnω di parlare quεi spiriti, che cascorωnω dal Ciεlω; a tale ωppω∫iziωne dωppiamente’ si può rispondere; prima, che quandω nωi trattiamω di quelle co∫e, che sωnω a bεne εssere, devemω εssi la∫ciar da parte; cωnciò sia, che questi pervεrsi nωn volserω εxpettar la divina cura. Secωnda risposta, ε megliω, ὲ che questi Demonii a manifestare fra sέ la lωrω perfidia, nωn hannω bi∫ognω di cωnω∫cere, senωn qualche co∫a di ciascunω, perché ὲ, ε quantω ὲ, il che certamente sannω; perciò, che si cωnωbberω l’un l’altrω avanti la ruina lωrω. A gli animali inferiωri poi nωn fu bi∫ognω prωvedere di parlare; cωnciò sia, che per sωlω istintω di natura sianω guidati. <big><big>ε</big></big> poi tutti quelli animali, che sωnω di una medesima spεcie, hannω le mede∫ime acziωni, ε le mede∫ime passiωni; per le quali lωrω prωpriεtà possωnω le altrui cωnω∫cere; ma a quelli, che sωnω di divεrse spεcie, nωn sωlamente nωn fu necessariω lωrω il parlare, ma in tuttω dannω∫ω gli sarεbbe statω; nωn essεndω alcuno amicabile cωmerziω tra essi. <big><big>ε</big></big> se mi fωsse ωppostω chel serpεnte, che parlò a la prima fεmina, ε l’a∫ina di Balaam habbianω parlatω; A questω rispωndω, che l’angelω, ne l’a∫ina, εt il diavωlω nel serpεnte hannω tamente ωperatω, che essi animali mosserω gli organi lωrω, ε cωsì d’indi la vωce resultò distinta, cεme verε parlare’; nωn che quellω de l’a∫ina fωsse altrω, che raggiare, ε quella del serpεnte’ altrω, che fischiare. Se alcunω poi argumentasse da quellω, che <big><big>ω</big></big>vidiω dice, nel quintω de la Mεtamorpho∫i, che le piche parlorωnω; dicω, che esgli dice questω figuratamente, intendεndω altrω; ma se si dicesse, che le piche al pre∫εnte, εt altri ucεlli parlanω, dicω, che egli ὲ falsω, perciò, che tale attω non ὲ parlare, ma ὲ certa imitaziωne del suonω de la nostra vωce; o vero che si sforzanω de imitar nωi in quanto sωniamo, ma nωn in quantω parliamω. Tal che se a quellω, che alcunω εxpressamente dicesse’, anchωra la picha ridicesse, questω nωn sarεbbe de nωn rappre∫entaziωne, over imitaziωne del suonω di quellω, che prima havesse dettω. <big><big>ε</big></big> cωsì appare, a l’homω sωlω εssere statω datω il parlare; ma per qual cagiωne essω gli fωsse necessariω, si sfωrzaremo briεvemente trattare’.
 
 
{{Centrato|''Che fu necessario a l’homω il cωmεrciω del parlare’.''<br/>CAP. III}}
 
Mωvεndωsi adunque l’homω, nωn per istintω di natura, ma per ragiωne’, εt essa ragiωne’, o circa la separaziωne, o circa il giudiciω, o circa la εleziωne diversificandωsi in ciascunω, tal, che qua∫i niunω intεnda l’altrω per le’ sue’ proprie’ aziωni, o passiωni, come’ fannω la bεstie; nέ anche per speculazioωne l’unω può intrare ne l’altrω, cωme l’Angelω, sεndω per la grωsseza, εt ωpacità del corpω mωrtale l’humana spεcie da ciò ritenuta; fu adunque bi∫ognω, che vωlεndω la gεneraziωne humana fra sέ cωmunicare i suoi cωncεtti, havese qualche segnω sensuale, ε raziωnale; perciò, che devεndω prεndere una co∫a da la ragiωne, ε ne la ragiωne pωrtarla, bi∫ωgnava εssere raziωnale; ma nωn pωtεndωsi alcuna co∫a di una agiωne in un’altra pωrtare, senωn per il mεçω del sensuale, fu bi∫ognω εssere sensuale; perciò, che sel fωsse sωlamente raziωnale, nωn pωtrεbbe trapassare’, se sωlω sensuale, nωn pωtrεbbe prεndere da la ragiωne, nέ ne la ragiωne deporre. <big><big>ε</big></big> questo ὲ segnω, che il subjettω, di che parliamω, ὲ nobile; perciò, che in quantω suonω, egli ὲ una co∫a sensuale: εt in quantω che secωndω la vωluntà di ciascunω significa qualche co∫a, egli ὲ raziωnale.
 
 
{{Centrato|''A che homω fu prima datω il parlare, ε che disse prima, εt in che lingua.''<br/>CAP. IV}}
 
Manifεstω ὲ per le co∫e già dette, che a l’homω sωlω fu datω il parlare; Hora istimω, che apprεssω debbiamω investigare, a chi homω fu prima datω il parlare, ε che co∫a prima disse, ε a chi parlò, ε dωve, ε quandω, εt εziandiω in che linguaggiω il primω suω parlare si sciolse. Secωndω che si lεgge ne la prima parte del Gεnε∫is, ωve la sacratissima scrittura tratta del principiω del mωndω, si truova la fεmina prima chε niun altrω haver parlatω; cioὲ la pre∫ωntuω∫issima <big><big>ε</big></big>va; la quale al Diavωlω, che la ricercava, disse: [« Ci nutriamω de i frutti de i legni che sωnω nel Paradi∫ω;] Diω ci ha cωmessω, che nωn mangiamω del frutto del legnω, che ὲ nel mεçω del Paradi∫ω, ε che nωn lω tωcchiamω; acciò, che per aventura nωn mωriamω ». Ma avεgna, che in scrittω si truovi, la donna haver primiεramente parlatω, nωn di menω ὲ ragiωnevωle co∫a, che crediamω, che l’homω fωsse quellω, che prima parlasse. Nέ co∫a incωnveniεnte mi pare il pensare, che così εxcellεnte acziωne de la generaziωne hunama prima da l’homω, chε da la fεmina prωcedesse; Ragiωnevωlmente adunque crediamω ad essω εsser statω datω primiεramente’ il parlare da Diω subitω, che’ l’hεbbe fωrmatω. Che vωce’ poi fωsse quella, che’ parlò prima, a ciascunω di sana mente può εssere’ in prωntω; εt iω nωn dubitω, che’ la fωsse’ quella, che’ ὲ Diω, cioὲ, Eli. O verω per modω di interrωgaziωne’, o per modω di risposta. Absurda co∫a veramente’ pare, ε da la ragiωne aliεna, che’ da l’homω fωsse nωminatω co∫a alcuna prima, chε Diω; cωnciò sia, che da essω, εt in essω fωsse fattω l’homω. <big><big>ε</big></big> sì cωme dωpω la prevaricaziωne de l’humana generaziωne, ciascunω εxordiω di parlare cωmincia da ''hεu'', cωsì ὲ ragiωnevωle co∫a, che quellω, che fu davanti cωminciasse da allegreza; ε cωnciò sia, che niun gaudiω sia fuori di Diω; ma tuttω in Diω, εt essω Diω tuttω sia allegreza, cωnsequεnte co∫a ὲ, chel primω parlante dicesse primiεramente, ‘Diω’. Quindi na∫ce questω dubbiω; che’ havεndω disωpra eettω, l’homω haver prima per via de risposta parlatω; se risposta fu, devette εssere’ a Diω, ε se a Diω, parrεbbe, che Diω prima havesse parlatω, il che parrεbbe cωntra quellω, che havemω dettω disωpra; al qual dubbiω rispωndemω; che bεn può l’homω haver rispostω a Diω, che lω interrωgava, nέ per questω Diω haver parlatω di quella lωquεla, che dicemω. Quale ὲ cωlui, che dubiti, che tutte le co∫e, che sωnω, nωn si piεghinω secωndω il vωler di Diω, da cui ὲ fatta, gωvernata, ε cωnservata ciascuna co∫a? <big><big>ε</big></big> cωnciò sia, che l’aere a tante alteraziωni per cωmandamentω de la natura inferiωre si muova, la quale ὲ ministra, ε fattura di Diω, di maniεra, che fa risωnare i trωni, fulgurare il fuocω, gemere l’acqua, ε sparge le nevi, ε slancia la grandine, nωn si mωverà εgli per cωmandamentω di Diω a far risωnare alcune parole? le quali sianω distinte da cωlui, che magiωr co∫a distinsε? ε perché no? la ωnde, εt questω, εt ad alcun’altre co∫e’ crediamω tale risposta bastare.
 
 
{{Centrato|''Dωve εt a cui prima l’homω habbia parlatω.''<br/>CAP. V}}
 
Giudicandω adunque (nωn sεnza ragiωne tratta cωsì da le co∫e superiωri, cωme da le inferiωri) che l’homω drizasse il suω primω parlare primiεramente a Diω; dicω, che ragiωnevωlmente essω primω parlante parlò subitω, che fu da la virtù animante inspiratω; perciò, che ne l’homω crediamo, che mωltω più co∫a humana sia l’εssere sentitω, chε il sentire, pur che egli sia sentitω, ε sεnta cωme homω. Se adunque quel primω fabbrω di ogni perfeziωne principiω, εt amatωre, inspirandω il primω homω cωn ogni perfeziωne cωmpì, ragiωnevωle co∫a mi pare, che questω perfettissimω animale nωn prima cωminciasse a sentire, chel fωsse sentitω. Se alcunω pωi dicesse cωntra le ωbiecziωni; Che nωn εra bi∫ognω, che l’homω parlasse, essεndω egli sωlω; ε che Diω ogni nostrω secretω, sεnza parole, εt anchω prima di nωi, di∫cεrne. Hora (cωn quella riverεnzia, la quale devemω u∫are ogni volta, che qualche co∫a de l’εtεrna vωluntà giudichiamω) dicω; che avεgna, che Diω sapesse, anzi antivedesse (che ὲ una mede∫ima co∫a quantω a Diω) il cωncεttω del primω parlante sεnza parlare, nωn di menω vωlse, che essω parlasse; acciò, che ne la explicaziωne di tantω dωnω, cωlui, che graziω∫amente glielω havea dωnatω, se ne glωriasse. <big><big>ε</big></big> perciò devemω credere, che da Diω prωcεda, che ωrdinatω l’attω de i nostri affεtti, se ne allegriamω. Quinci pωssiamω ritrωvare il luocω, nel quale fu mandata fuori la prima favella; perciò, che se fu animatω l’homω fuori del paradi∫ω, diremω che fuori, se dentrω, diremω che dentrω fu il locω del suω primω parlare’.
 
 
{{Centrato|''Di che Idioma prima l’homω parlò.''<br/>CAP. VI}}
 
Hora perché i negozii humani si hannω ad εxercitare per mωlte, ε divεrse lingue, tal, che mωlti per le parole nωn sωnω altrimente inte∫i da mωlti, chε se fusserω senza esse; però fia buonω investigare di quel parlare, del quale si crede haver u∫atω l’homω, che nacque sεnza madre, ε sεnza latte si nutrì, ε che nέ pupilare εtà vide, nέ adulta. In questa co∫a, sì cωme in altre mωlte, Piεtra mala ὲ amplissima città, ε patria de la maggiωr parte de i figliuoli di Adamω, però qualunque si ritruova εssere si cωsì dishωnesta ragiωne, che creda, che il luogω de la sua naziωne sia il più deliziω∫ω, che si truovi sωttω il sωle, a cωstui parimente sarà licitω prepωrre il suω propriω vulgare, cioὲ la sua matεrna lωcuziωne, a tutti gli altri, ε cωnseguεntemente credere essa εssere stata quella di Adamω. Ma nωi, a cui il mωndω ὲ patria, sì cωme a pe∫ci il mare, quantunque habbiamω bevutω l’acqua d’Arnω avanti, che havessemω dεnti, ε che amiamω tantω Fiωrεnza, che per haverla amata patiamω injustω εxiliω, nωn di menω le spalle del nostrω giudiciω più a la ragiωne, chε al sensω appωggiamω; <big><big>ε</big></big> ben, che secωndω il piacer nostrω, o verω secωndω la quiεte de la nostra sensualità, nωn sia in tεrra locω più amεnω di Fiωrεnza; pure rivωlgεndω i vωlumi de i pωεti, ε de gli altri scrittωri, ne i quali il mωndω universalmente, ε particularmente si descrive, ε discωrrεndω fra nωi i varii siti de i luoghi del mωndω, ε le habitudini lωrω tra l’unω, ε l’altrω polω, ε ’l circulω εquatωre, fermamente cωmprendω, ε credω mωlte regiωni, ε città εssere più nobili, ε deliziω∫e, che Tωscana, ε Fiωrεnza, ωve sωn natω, ε di cui sωn cittadinω; ε mωlte naziωni, ε mωlte gεnti u∫are più dilettevωle, ε più utile sermωne, chε gli Italiani. Ritωrnandω adunque al prωpostω; dicω, che una cεrta fωrma di parlare fu creata da Diω insiεme cωn l’anima prima, ε dico ‘fωrma’, quantω a i vωcabωli de le co∫e, [ε quantω alla cωnstruziωne de i vωcabωli], ε quantω al proferir de le cωnstruziωni, la quale fωrma veramente ogni parlante lingua u∫erεbbe, se per cωlpa de la prω∫unziωne humana nωn fωsse stata dissipata; cωme disωttω si mωstrerà; di questa fωrma di parlare parlò Adamω, ε tutti i suoi posteri, finω a la εdificazione de la tωrre di Babεl, la quale si intεrprta la tωrre de la cωnfu∫iωne. Questa fωrma di lωcuziωne hannω hereditatω i figliuoli di Hεbεr, i quali da lui furωnω detti Hεbrεi; a cui sωli dωpω la cωnfu∫iωne rima∫e acciò, che il nostrω Redemptωre, il quale dωveva na∫cere di lωrω, u∫asse, secωndω la humanità, de la lingua de la grazia, ε nωn di quella de la cωnfu∫iωne; Fu adunque lω Hεbraicω Idioma quellω, che fu fabricatω da le labra del primω parlante.
 
 
{{Centrato|''De le divi∫iωni del parlare in più lingue.''<br/>CAP. VII}}
 
Ahi cωme gravemente’ mi vergognω di rinωvare al pre∫εnte’ la ignωminia de la generaziωne humana; ma perciò, che nωn pωssiamω la∫ciar di passare per essa, se bεn la faccia divεnta rωssa, ε l’animω la fugge, nωn starò di narrarla; O nostra natura sempre prona a i peccati, o da principiω, ε che mai nωn fini∫ce, piεna de la nequizia, nωn εra statω assai per la tua cωrruttεlla, che per lω primω fallω fωsti cacciata, ε stesti in bandω de’ la patria de le delicie? nωn εra assai, che’ per la universale luxuria, ε crudeltà de’ la tua famiglia, tuttω quellω, che’ εra di te’, fuor chε una ca∫a sωla, fusse dal diluviω sωmmersω? <big><big>ε</big></big> per il male, che tu havevi cωmessω, gli animali del Ciεlω, ε de la tεrra, fussenω già stati puniti? cεrtω assai sarεbbe statω; ma cωme’ prωverbialmente’ si suol dire, «Nωn andrai a cavallω anzi la terza»; ε tu mi∫era vωlesti mi∫eramente andare a cavallω. <big><big>ε</big></big>ccω lettωre, che l’homω, o verω scωrdatω, o verω nωn curandω de le prime battiture, ε rivωlgεndω gli occhi da le’ sfεrze, che εranω rima∫e, venne la tεrza volta a le botte, per la ∫ciocca sua, ε supεrba prω∫unziωne; pre∫unse adunque dnel suω cuore l’incurabile homω sωttω persuasiωne di Gigante di superare cωn l’arte sua nωn sωlamente la natura, ma anchωra essω naturante, il quale ὲ Diω; ε cωminciò ad εdificare una tωrre in Sεnnaar, la quale poi fu detta Babεl, cioὲ cωnfusiωne’, per la quale sperava di a∫cεndere al ciεlω, havεndω intenziωne il sciocchω nωn sωlamente di aguagliare, ma di avanzare il suω fattωre; O clemεnzia sεnza mi∫ura del celεste Imperiω; qual padre sωster[r]εbbe tanti insulti dal figliuolω; Hora inalzandωsi, nωn cωn inimica sferza, ma cωn patεrna, εt a battiture assuεta, il ribellante figliuolω cωn piatω∫a, ε memωrabile cωrreziωne castegò. <big><big>ε</big></big>ra qua∫i tutta la generaziωne humana a questa opera iniqua cωncωrsa, parte cωmandava, parte εranω architεcti, parte facevanω muri, parte i piωmbavanω, parte tiravanω le corde, parte cavavanω sassi, parte per tεrra, parte per mare li cωnducevanω; <big><big>ε</big></big> cωsì divεrse parti in divεrse altre opere s’affaticavanω, quandω furωnω dal ciεlω di tanta cωnfu∫iωne percossi, che dωve tutti cωn una istessa lωquεla sεrvivanω a l’opera, diversificandωsi in mωlte lωquεle da essa cessavanω, nέ mai a quel mede∫imω cωmεrciω cωnvenivanω; <big><big>ε</big></big> a quelli sωli, che in una co∫a cωnvenivanω, una istessa lωquεla attualmente rima∫e; cωme ὲ a tutti gli architetti, una, a tutti i cωndutωri di sassi, una, a tutti i preparatωri di quegli; una; ε cωsì advenne di tutti gli operanti; tal, che di quanti varii εxercizii εranω in quell’opera, di tanti varii linguaggi fu la generaziωne’ humana disiunta. <big><big>ε</big></big> quantω era più εxcellεnte l’artificiω di ciascunω, tantω era più grωssω, ε barbarω il lωrω parlare’. Quelli pω∫cia, a li quali il sacratω Idioma rima∫e, nέ eranω pre∫εnti, nέ lωdavanω lω εxerciziω lωrω; anzi gravemente bia∫imandωlω, si ridevanω de’ la ∫ciωccheza de’ li operanti; ma questi furωnω una minima parte’ di quelli, quantω al numerω, ε furωnω sì cωm’iω cωmprεndω del sεme di Sεm, il quale fu il terzω figliuolω di Nωὲ, da cui nacque il popωlω d’Israεl, il quale u∫ò de la antiquissima lωcuziωne finω a la sua dispersiωne’.
 
 
{{Centrato|''Sωttωdivi∫iωne del parlare per il mωndω, ε specialmente in <big><big>ε</big></big>uropa.''<br/>CAP. VIII}}
 
Per la detta precedεnte cωnfu∫iωne di lingue, nωn leggiεramente giudichiamω, che alhωra primieramente gli homini furωnω sparsi per tutti i clima del mωndω, ε per tutte le regiωni, εt anguli di essω; <big><big>ε</big></big> cωnciò sia, che la principale radice de la prωpagaziωne humana, sia ne le parti ωrientali piantata, ε d’indi da l’unω, ε l’altrω latω, per palmiti variamente diffu∫i, fu la prωpagaziωne nostra diste∫a, ε finalmente infinω a l’ωccidεnte prωdωtta, la ωnde primiεramente le gωle raziωnali gustωrωnω, o tutti, o almen parte dei fiumi di tutta <big><big>ε</big></big>uropa; ma o fusserω fωrestiεri questi, che alhωra primieramente vennerω, o pur nati prima in <big><big>ε</big></big>uropa, ritωrnasserω ad essa; questi cωtali pωrtorωnω tre idiomi sεcω; ε parte di lωrω hεbbenω in sorte la regiωne Meridiωnale di <big><big>ε</big></big>uropa, parte la Settentriωnale, εt i tεrzi, i quali al pre∫εnte chiamiamω Grεci, parte de l’Asia, ε parte de la <big><big>ε</big></big>uropa ωccuporωnω; po∫cia da unω istesω Idioma da la immunda cωnfu∫iωne ricevutω, nacquerω divεrsi vωlgari, cωme di∫ωttω dimωstreremω; perciò, che tuttω quel trattω, che da la fωce del Danubiω, o verω da la palude Meotide finω a le fine <big><big>ω</big></big>ccidentali, le quali da i cωnfini di Ingheltεrra, Italia, ε Franza, ε da l’<big><big>ω</big></big>cεanω sωnω terminate, tenne unω sωlω Idioma; avεgna, che’ poi per Schiavωni, Ungari, Tedeschi, Saxωni, Ingle∫i, εt altre molte naziωni fωsse in divεrsi vωlgari derivatω, remanεndω questω sωlω per segnω, che’ havesserω un mede∫imω principiω, che’ qua∫i tutti i predetti vωlεndω affirmare’ dicωnω jò. Cωminciandω pωi dal tεrmine di questω Idioma, cioὲ da le’ fine’ de’ gli Ungari vεrsω <big><big>ω</big></big>riεnte’, un altro Idioma tuttω quel trattω ωccupò; quel poi, che’ da questi in qua si chiama<big><big>ε</big></big>uropa, ε più ωltra si stεnde’, o verω tuttω quellω de’ la <big><big>ε</big></big>uropa, che’ rεsta, tεnne’ un tεrzω Idiωma; avεgna, che al pre∫εnte’ tripartitω si veggia; perciò, che’ vωlεndω affirmare’, altri dicωnω ''oc'', altri ''oì'', εt altri ''sì'', cioὲ Spagnuoli, France∫i, εt Italiani. Il segnω adunque che i tre vωlgari di cωstωrω prωcedesserω da unω istessω Idioma ὲ in prωntω; per ciò che mωlte’ co∫e chiamanω per i mede∫imi vωcabωli, cωme ὲ Diω, Ciεlω, Amωre, Mare, Terra, ε vive, muore, ama, εt altri mωlti. Di questi adunque de la meridiωnale <big><big>ε</big></big>uropa, quelli, che prωferiscωnω ''oc'', tεngωnω la parte’ ωccidentale, che cωmincia da i cωnfini de Genωve∫i; Quelli poi, che dicωnω ''sì'', tεngωnω da i predetti cωnfini la parte ωrientale, cioὲ finω a quel prωmωntoriω d’Italia, dal quale cωmincia il senω del mare Adriaticω, ε la Sicilia; Ma quelli, che affermanω cωn ''oì'', qua∫i sωnω settentriωnali a rispettω di questi; perciò, che da l’<big><big>ω</big></big>riεnte, ε dal Settentriωne, hannω gli Alemani, dal Pωnente sωnω serrati dal mare Ingle∫e, ε da i mωnti di Aragωna terminati, dal mεço dì poi sωnω chiu∫i da Prωuεnzali, ε da la flexiωne de lω Appenninω.
 
 
{{Centrato|''De le tre variεtà del parlare, ε cωme cωl tεmpω il mede∫imω parlare si muta.''<br/>CAP. IX}}
 
A nωi hora ὲ bi∫ognω pωrre a pericωlω la ragiωne, che havemω, vωlεndω ricercare di quelle co∫e, ne le quali da niuna autωrità siamω ajutati, cioὲ vωlεndω dire de la variaziωne, che intervenne al parlare, che da principiω εra il mede∫imω; ma cωnciò sia, che per camini noti più tostω, ε più sicuramente si vada; però sωlamente per questω nostrω Idioma andaremo, ε gli altri la∫ciεremω da parte; cωnciò sia, che quellω, che ne l’unω ὲ ragiωnevωle, pare che eziandiω habbia ad εssere cau∫a ne gli altri.
<big><big>ὲ</big></big> adunque lω Idioma, de lω quale trattiamω (cωme ho dettω disωpra) in tre parti divi∫ω; perciò, che alcuni dicωnω ''oc'', altri ''sì'', εt altri ''oì''. <big><big>ε</big></big> che questω dal principiω de la cωnfu∫iωne fωsse unω mede∫imω (il che primiεramente prωvar si deve) appare; perciò, che si cωnvengωnω in mωlti vωcabuli, cωme gli εxcellεnti Dωttωri dimωstranω; la quale cωnveniεnzia repugna a la cωnfu∫iωne, che fu per il delittω ne la εdificaziωne di Babel. I dωttωri adunque di tutte tre queste lingue, in mωlte co∫e cωnvεngωnω, ε massimamente in questω vωcabulω Amωr. Gerardω di Brunel. ''Suri∫entis fez les armes Puεr encuser amωr''. Il Re di Navara. ''De fin amωr suvent sen, ε bentὲ''. M. Guidω Guinizεli. ''Nέ fu amωr, prima chε gentil cuore’, Nέ cuor gentil, pria chε d’amωr natura''.
 
{{Centrato|''De la variεtà del parlare in Italia da la destra, ε sinistra parte de l’Appenninω.''<br/>CAP. X}}
 
Hora u∫cendω in tre parti divi∫ω (cωme disωpra ὲ dettω) il nostrω parlare, ne la cωmparaziωne di se stessω, secωndω che egli ὲ tripartitω, cωn tanta timidità lω andiamω pωnderandω; che nέ questa parte, nέ quella, nέ quell’altra habbiamω ardimentω di prepωrre, senωn in quellω ''sic'', che i Grammatici si truovanω haver pre∫ω per advεrbiω di affirmare; la qual co∫a pare, che dia qualche più di autωrità a lj’ Italiani, i quali dicωnω ''sì''. Veramente ciascuna di queste tre parti, cωn largω testimoniω si diffεnde. La lingua di ''oì'', allega per sέ, che per lω suω più facile, ε più dilettevωle volgare, tuttω quellω, che ὲ statω traduttω, o verω ritrωvatω in pro∫a vωlgare ὲ suω; cioὲ la Bibia, i fatti de i Trωiani, ε de i Rωmani, le bellissime favωle del Re Artù, ε mωlte altre historie, ε dωttrine’. L’altra poi argumenta per sέ, cioὲ la lingua di ''oc''; ε dice; che i vωlgari εlωquεnti, scrisserω i primi pωεmi in essa, sì cωme in lingua più perfεtta, ε più dωlce; cωme fu Piεrω di Alvεrnia, εt altri mωltω antiqui Dωttωri. La tεrza poi, che ὲ de lj’Italiani, afferma per dui privilegii εsser superiωre; il primω ὲ, che quelli, che più dωlcemente, ε più sωttilmente hanno scritti pωεmi, sωnω stati i suoi dωmεstici, ε familjari; cioὲ Cinω da Pistωja, ε lω Amicω suω. Il secωndω ὲ, che pare, che più s’accostinω a la Grammtica, la quale ὲ cωmune. E questω a cωlωrω, che voljωnω cωn ragiωne cωnsiderare, par gravissimω argumentω. Ma nωi, la∫ciandω da parte il giudiciω di questω, ε rivωlgεndω il trattatω nostrω al vωlgare’ Italianω, si sfωrzeremω di dire le variaziωni ricevute in essω; ε quelle’ fra sέ cωmpararemω. Dicemω adunque la Italia εssere primamente in due parti divi∫a, cioὲ ne la dεstra, ε ne la sinistra; ε se alcunω dimandasse quale ὲ la linea, che questa diparte; briεvemente rispωndω, εssere il Giωgω de l’Appenninω; il quale, cωme un cωlmω di fistula, di qua, ε di là a divεrse grωnde piove, ε l’acque di qua, ε di là per lunghi embrici a diversi liti distillanω: cωme Lucanω nel secωndω descrive; εt il dextrω latω ha il mar Tyrrhεnω per grωndatωiω, il sinistrω v’ha lω Adriaticω. Del dεstrω latω poi sωnω regiωni, la Pulja, ma nωn tutta, Rωma, il Ducatω, Tωscana, la Marca di Genωva; Del sinistrω sωnω parte de la Pulja, la Marca d’Ancωna, la Rωmagna, la Lωmbardia, la Marca Trivigiana cωn Venεzia. Il Friuli veramente, ε l’Istria nωn possωnω εssere senωn de la parte sinistra d’Italia; ε le I∫ωle del mar Tyrrhεnω, cioὲ Sicilia, ε Sardigna, nωn sωnω senωn de la dεstra: o veramente sωnω da εssere a la dεstra parte d’Italia accωmpagnate. In ciascunω adunque di questi dui lati d’Italia, εt in quelle parti, che si accωmpagnanω ad essi, le lingue de lj homini sωnω varie; cioὲ la lingua de i Siciliani cωi Pulje∫i, ε quella de i Pulje∫i cωi Rωmani, ε de i Rωmani cωi Spωletani, ε di questi cωi Tωscani, ε de i Tωscani cωi Genωve∫i, ε de i Genωve∫i cωi Sardi. E similmente quella dei Calavresi cωn lj’Ancωnitani, ε di cωstωrω cωi Rωmagnuoli, ε de i Rωmagnuoli cωi Lωmbardi, ε de i Lωmbardi cωi Trivigiani ε’ Veneziani, ε di questi cωi Furlani, ε di essi cωn lji Istriani [de la qual co∫a pensiamω nessun Italianω dissentire cωn nωi]; ne la qual co∫a dicω, che la Italia sωla appare in xiiij vωlgari εssere variata; ciascunω e i quali anchωra in sε stessω si varia; cωme’ in Tωscana, i Sene∫i, ε lj’ Aretini; in Lωmbardia, i Ferrare∫i, ε Piacentini; ε parimente in una istessa città trωviamω εssere qualche variaziωne’ di parlare, cωme nel capitωlω disωpra habbiamω dettω. Il perché se vωremω calculare le prime, le secωnde, ε le sωttωsecωnde variaziωni del vωlgare d’Italia, adverrà, che in questω minimω cantωne del mωndω, si venirà nωn sωlamente a mille variaziωni di lωquεla, ma anchωra a mωltω più.
 
1 280

contributi

Menu di navigazione