De la vωlgare εlωquεnzia/Libro I: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
 
Dωpω questi crivelliamω lj Aquilejiεnsi, ε lj Istriani, i quali cωn crudεli accεnti dicωnω, ''Ces fas tu''; ε cωn questi mandian via tutte le mωntanine ε villanesche lωquεle; le quali di brutteza di accεnti sωnω sεmpre dissωnanti da i cittadini, che stannω in mεçω le città, cωme i Casentini, ε Prate∫i. I Sardi anchωra, i quali nωn sωnω d’Italia, ma a la Italia accωmpagnati, gettian via; perché questi sωli ci paiωnω εssere sεnza propriω vulgare, εt imitanω la Grammatica, cωme fannω le Simie lj huomini; perché dicωnω, ''Domus nova, εt dominus meus''.
 
 
 
{{Centrato|''De lω Idioma Sicilianω, ε Puljese.''<br/>CAP. XII}}
De i crivellati (per modω di dire) vulgari d’Italia, facεndω cωmparatiωne tra quelli, che nel crivellω sωnω rima∫i, briεvemente ∫celgiamω il più hωnωrevωle di εssi. <big><big>ε</big></big> primamente εxaminiamω lω ingegnω circa il Sicilianω, perciò, che pare, che il vωlgare Sicilianω habbia assuntω la fama sωpra lj altri; cωnciò sia, che tutti i pωεmi, che fannω lj’ Italiani, si kiaminω in Sicilianω; <big><big>ε</big></big> cωnciò sia, che trωviamω mωlti dωttωri di cωstà haver gravemente cantatω; cωme in quelle canzωni, ''Anchωr che l’aigua per lω focω lassi'', εt ''Amωr, che lωngamente m’hai menatω''.
 
Ma questa fama de la tεrra di Sicilia, se drittamente risguardiamω, appare, che sωlamente per ωpprobriω de’ Principi Italiani sia rima∫a; i quali nωn cωn modω hεroicω, ma cωn plebeω seguenω la supεrbia; Ma quelli Illustri hεroi Federicω Cε∫are, et el bεn natω suω figliuolω Manfrεdi, dimωstrandω la nωbiltà, ε dritteza de la sua fωrma, mentre che la fωrtuna gli fu favωrevωle, seguirωnω le co∫e humane, ε le bestiali sdegnorωnω
{{capitolo
|CapitoloPrecedente=
1 280

contributi

Menu di navigazione