De la vωlgare εlωquεnzia/Libro I: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
De i crivellati (per modω di dire) vulgari d’Italia, facεndω cωmparatiωne tra quelli, che nel crivellω sωnω rima∫i, briεvemente ∫celgiamω il più hωnωrevωle di εssi. <big><big>ε</big></big> primamente εxaminiamω lω ingegnω circa il Sicilianω, perciò, che pare, che il vωlgare Sicilianω habbia assuntω la fama sωpra lj altri; cωnciò sia, che tutti i pωεmi, che fannω lj’ Italiani, si kiaminω in Sicilianω; <big><big>ε</big></big> cωnciò sia, che trωviamω mωlti dωttωri di cωstà haver gravemente cantatω; cωme in quelle canzωni, ''Anchωr che l’aigua per lω focω lassi'', εt ''Amωr, che lωngamente m’hai menatω''.
 
Ma questa fama de la tεrra di Sicilia, se drittamente risguardiamω, appare, che sωlamente per ωpprobriω de’ Principi Italiani sia rima∫a; i quali nωn cωn modω hεroicω, ma cωn plebeω seguenω la supεrbia; Ma quelli Illustri hεroi Federicω Cε∫are, et el bεn natω suω figliuolω Manfrεdi, dimωstrandω la nωbiltà, ε dritteza de la sua fωrma, mentre che la fωrtuna gli fu favωrevωle, seguirωnω le co∫e humane, ε le bestiali sdegnorωnω: Il perché cωlωrω, che εranω di altω cuore, ε di grazie dωttati, si sfωrzavanω di adherirsi a la maestà de sì gran Principi; tal che in quel tεmpω tuttω quellω, che gli εxcellenti Italiani cωmpωnevanω ne’ la cωrte di sì gran Re primanente u∫civa. <big><big>ε</big></big> perché il lωrω sεggiω regale εra in Sicilia, ὲ advenutω, che tuttω quellω, che i nostri precessωri cωmpωserω in vulgare, si kiama Sicilianω; il che ritenemω anchωra nωi; εt i posteri nostri nωn lω pωtrannω mutare. ''Racha, Racha''. Che suona hora la trωmba de l’ultimω Federicω? che, il sωnaljω de ’l secωndω Carlω? che, i corni di Giωvanni, ε di Azω Marche∫i pωtεnti? che le tibie de lj altri Magnati? senωn venite carnefici, venite altriplici, venite settatωri di avarizia. Ma mεljω ὲ tωrnare al prωpo∫itω, che parlare indarnω. Hor dicemω, che se ωljamω piljare il vωlgare Sicilianω, cioὲ quellω, che viεn da i mediocri pae∫ani, da la bωcca de i quali ὲ da cavare il giudiziω, appare, che ’l nωn sia degnω di εssere prepostω a lj altri; perciò, chel nωn si prωferi∫ce sεnza qualche tεmpω, cωme ὲ, in ''Tragemi deste fωcωra se t’εste a bωlωntate''. Se questω poi nωn vωljamω piljare, ma quellω, che ε∫ce de la bωcca de i principali Siciliani, cωme ne le preallegateCanzωni si può vedere, nωn ὲ in nulla differεnte da quellω, che ὲ laudabilissimω, cωme disωttω dimωstreremω. I Pulje∫i poi, o verω per la accerbità lωrω, o verω per la prωpinquità de i suoi vicini [che sωnω Rωmani e Marchigiani] fannω brutti barbarismi. <big><big>ε</big></big> dicωnω, ''Vωlzera, chε kiangesse lω quatrarω''. Ma quantunque cωmunemente i pae∫ani Pulje∫i parlinω bruttamente, alcuni però εxcellenti tra lωrω hannω pωlitamente parlatω, ε pωstω ne le lωro Canzωni vωcabωli mωltω cωrtigiani, cωme manifestamente appare a chi i lωrω scritti cωnsidera, cωme ὲ; ''Madonna dir vi voljω'', ε, ''Per finω amωre vò sì liεtamente’''.
Ma questa fama de la tεrra di Sicilia, se drittamente risguardiamω, appare, che sωlamente per ωpprobriω de’ Principi Italiani sia rima∫a; i quali nωn cωn modω hεroicω, ma cωn plebeω seguenω la supεrbia; Ma quelli Illustri hεroi Federicω Cε∫are, et el bεn natω suω figliuolω Manfrεdi, dimωstrandω la nωbiltà, ε dritteza de la sua fωrma, mentre che la fωrtuna gli fu favωrevωle, seguirωnω le co∫e humane, ε le bestiali sdegnorωnω
 
Il perché a quelli, che nωteranno ciò, che s’ὲ dettω disωpra, dεe εssere manifεstω, che nέ il Sicilianω, nέ il Puljε∫e ὲ quel vωlgare, che in Italia ὲ bellissimω; cωnciò sia, che habbiamω mωstratω, che lj εlωquεnti nativi di quel pae∫e sianω da essω partiti.
{{capitolo
|CapitoloPrecedente=
1 280

contributi

Menu di navigazione