De la vωlgare εlωquεnzia/Libro I: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
Altri due capitoli
(Correzione via bot)
m (Altri due capitoli)
 
 
{{nbsp|5}}Ahi cωme gravemente’ mi vergognω di rinωvare al pre∫εnte’ la ignωminia de la generaziωne humana; ma perciò, che nωn pωssiamω la∫ciar di passare per essa, se bεn la faccia divεnta rωssa, ε l’animω la fugge, nωn starò di narrarla; O nostra natura sempre prona a i peccati, o da principiω, ε che mai nωn fini∫ce, piεna de nequizia, nωn εra statω assai per la tua cωrruttεlla, che per lω primω fallω fωsti cacciata, ε stesti in bandω de’ la patria de le delicie? nωn εra assai, che’ per la universale luxuria, ε crudeltà de’ la tua famiglia, tuttω quellω, che’ εra di te’, fuor chε una ca∫a sωla, fusse dal diluviω sωmmersω? <big><big>ε</big></big> per il male, che tu havevi cωmessω, gli animali del Ciεlω, ε de la tεrra, fussenω già stati puniti? cεrtω assai sarεbbe statω; ma cωme’ prωverbialmente’ si suol dire, «Nωn andrai a cavallω anzi la terza»; ε tu mi∫era vωlesti mi∫eramente andare a cavallω. <big><big>ε</big></big>ccω lettωre, che l’homω, o verω scωrdatω, o verω nωn curandω de le prime battiture, ε rivωlgεndω gli occhi da le’ sfεrze, che εranω rima∫e, venne la tεrza volta a le botte, per la ∫ciocca sua, ε supεrba prω∫unziωne; pre∫unse adunque dnel suω cuore lω incurabile homω sωttω persua∫iωne di Gigante di superare cωn l’arte sua nωn sωlamente la natura, ma anchωra essω naturante, il quale ὲ Diω; ε cωminciò ad εdificare una tωrre in Sεnnaar, la quale poi fu detta Babεl, cioὲ cωnfu∫iωne’, per la quale sperava di a∫cεndere al ciεlω, havεndω intenziωne il sciocchω nωn sωlamente di aguagliare, ma di avanzare il suω fattωre; O clemεnzia sεnza mi∫ura del celεste Imperiω; qual padre sωster[r]εbbe tanti insulti dal figliuolω; Hora inalzandωsi, nωn cωn inimica sferza, ma cωn patεrna, εt a battiture assuεta, il ribellante figliuolω cωn piatω∫a, ε memωrabile cωrreziωne castegò. <big><big>ε</big></big>ra qua∫i tutta la generaziωne humana a questa opera iniqua cωncωrsa, parte cωmandava, parte εranω architεcti, parte facevanω muri, parte i piωmbavanω, parte tiravanω le corde, parte cavavanω sassi, parte per tεrra, parte per mare li cωnducevanω; <big><big>ε</big></big> cωsì divεrse parti in divεrse altre opere s’affaticavanω, quandω furωnω dal ciεlω di tanta cωnfu∫iωne percossi, che dωve tutti cωn una istessa lωquεla sεrvivanω a l’opera, diversificandωsi in mωlte lωquεle da essa cessavanω, nέ mai a quel mede∫imω cωmεrciω cωnvenivanω; <big><big>ε</big></big> a quelli sωli, che in una co∫a cωnvenivanω, una istessa lωquεla attualmente rima∫e; cωme ὲ a tutti gli architetti, una, a tutti i cωndutωri di sassi, una, a tutti i preparatωri di quegli, una; ε cωsì advenne di tutti gli operanti; tal, che di quanti varii εxercizii εranω in quell’opera, di tanti varii linguaggi fu la generaziωne’ humana disiunta. <big><big>ε</big></big> quantω era più εxcellεnte l’artificiω di ciascunω, tantω era più grωssω, ε barbarω il lωrω parlare’. Quelli pω∫cia, a li quali il sacratω Idioma rima∫e, nέ eranω pre∫εnti, nέ lωdavanω lω εxerciziω lωrω; anzi gravemente bia∫imandωlω, si ridevanω de’ la ∫ciωccheza de’ li operanti; ma questi furωnω una minima parte’ di quelli, quantω al numerω, ε furωnω sì cωm’iω cωmprεndω del sεme di Sεm, il quale fu il terzω figliuolω di Nωὲ, da cui nacque’ il popωlω di Israεl, il quale u∫ò de la antiquissima lωcuziωne finω a la sua dispersiωne’.<!-- rilettura effettuata fin qui. -->
 
 
 
 
{{nbsp|5}}Per la detta precedεnte cωnfu∫iωne di lingue, nωn leggiεramente giudichiamω, che alhωra primieramente gli homini furωnω sparsi per tutti i clima del mωndω, ε per tutte le regiωni, εt anguli di essω; <big><big>ε</big></big> cωnciò sia, che la principale radice de la prωpagaziωne humana, sia ne le parti ωrientali piantata, ε d’indi da l’unω, ε l’altrω latω, per palmiti variamente diffu∫i, fu la prωpagaziωne nostra diste∫a, ε finalmente infinω a l’ωccidεnte prωdωtta, la ωnde primiεramente le gωle raziωnali gustωrωnω, o tutti, o almen parte dei fiumi di tutta <big><big>ε</big></big>uropa; ma o fusserω fωrestiεri questi, che alhωra primieramente vennerω, o pur nati prima in <big><big>ε</big></big>uropa, ritωrnasserω ad essa; questi cωtali pωrtorωnω tre idiomi sεcω; ε parte di lωrω hεbbenω in sorte la regiωne Meridiωnale di <big><big>ε</big></big>uropa, parte la Settentriωnale, εt i tεrzi, i quali al pre∫εnte chiamiamω Grεci, parte de l’Asia, ε parte de la <big><big>ε</big></big>uropa ωccuporωnω; po∫cia da unω istesωistessω Idioma da la immunda cωnfu∫iωne ricevutω, nacquerω divεrsi vωlgari, cωme di∫ωttω dimωstreremω; perciò, che tuttω quel trattω, che da la fωce del Danubiω, o verω da la palude Meotide finω a le fine <big><big>ω</big></big>ccidentali, le quali da i cωnfini di Ingheltεrra, Italia, ε Franza, ε da l’<big><big>ω</big></big>cεanω sωnω terminate, tenne unω sωlω Idioma; avεgna, che’ poi per Schiavωni, Ungari, Tedeschi, Saxωni, Ingle∫i, εt altre molte naziωni fωsse in divεrsi vωlgari derivatω, remanεndω questω sωlω per segnω, che’ havesserω un mede∫imω principiω, che’ qua∫i tutti i predetti vωlεndω affirmare’ dicωnω jò. Cωminciandω pωi dal tεrmine di questω Idioma, cioὲ da le’ fine’ de’ gli Ungari vεrsω <big><big>ω</big></big>riεnte’, un altro Idioma tuttω quel trattω ωccupò; quel poi, che’ da questi in qua si chiama<big><big>ε</big></big>uropa, ε più ωltra si stεnde’, o verω tuttω quellω de’ la <big><big>ε</big></big>uropa, che’ rεsta, tεnne’ un tεrzω Idiωma; avεgna, che al pre∫εnte’ tripartitω si veggia; perciò, che’ vωlεndω affirmare’, altri dicωnω ''oc'', altri ''oì'', εt altri ''sì'', cioὲ Spagnuoli, France∫i, εt Italiani. Il segnω adunque che i tre vωlgari di cωstωrω prωcedesserω da unω istessω Idioma ὲ in prωntω; per ciò che mωlte’ co∫e chiamanω per i mede∫imi vωcabωli, cωme ὲ Diω, Ciεlω, Amωre, Mare, Terra, ε vive, muore, ama, εt altri mωlti. Di questi adunque de la meridiωnale <big><big>ε</big></big>uropa, quelli, che prωferiscωnω ''oc'', tεngωnω la parte’ ωccidentale, che cωmincia da i cωnfini de Genωve∫i; Quelli poi, che dicωnω ''sì'', tεngωnω da i predetti cωnfini la parte ωrientale, cioὲ finω a quel prωmωntoriω d’Italia, dal quale cωmincia il senω del mare Adriaticω, ε la Sicilia; Ma quelli, che affermanω cωn ''oì'', qua∫i sωnω settentriωnali a rispettω di questi; perciò, che da l’<big><big>ω</big></big>riεnte, ε dal Settentriωne, hannω gli Alemani, dal Pωnente sωnω serrati dal mare Ingle∫e, ε da i mωnti di Aragωna terminati, dal mεço dì poi sωnω chiu∫i da Prωuεnzali, ε da la flexiωne de lω Appenninω.
 
 
<big><big>ὲ</big></big> adunque lω Idioma, de lω quale trattiamω (cωme ho dettω disωpra) in tre parti divi∫ω; perciò, che alcuni dicωnω ''oc'', altri ''sì'', εt altri ''oì''. <big><big>ε</big></big> che questω dal principiω de la cωnfu∫iωne fωsse unω mede∫imω (il che primiεramente prωvar si deve) appare; perciò, che si cωnvengωnω in mωlti vωcabuli, cωme gli εxcellεnti Dωttωri dimωstranω; la quale cωnveniεnzia repugna a la cωnfu∫iωne, che fu per il delittω ne la εdificaziωne di Babel. I dωttωri adunque di tutte tre queste lingue, in mωlte co∫e cωnvεngωnω, ε massimamente in questω vωcabulω Amωr. Gerardω di Brunel. ''Suri∫entis fez les armes Puεr encuser amωr''. Il Re di Navara. ''De fin amωr suvent sen, ε bentὲ''. M. Guidω Guinizεli. ''Nέ fu amωr, prima chε gentil cuore’, Nέ cuor gentil, pria chε d’amωr natura''.
 
Investighiamω adunque, perché εgli in tre parti sia principalmente variatω, ε perché ciascuna di queste variaziωni in sε stessa si varie; cωme’ ὲ, la dεstra parte d’Italia ha divεrsω parlare da quellω de la sinistra: cioὲ altramente parlanω i Padωani, εt altramente i Pi∫ani; <big><big>ε</big></big> investighiamω, perché quelli, che habitanω più vicini, sianω differεnti nel parlare, cωme ὲ i Milane∫i, ε Verone∫i, Rωmani, ε Fiωrentini; <big><big>ε</big></big> anchωra perché siano differεnti quelli, che si cωnvεngωnω sωttω unω istessω nωme di gεnte, cωme Napωletani, ε Gaetani; Ravegnani, ε Faentini; <big><big>ε</big></big> quel, che ὲ più meravigliω∫ω, cerchiamω, perché nωn si cωnvenganω in parlare quelli, che in una mede∫ima città dimωranω; cωme sωnω i Bωlωgne∫i del bωrgω di san Felice, εt i Bωlωgne∫i de la strada maggiωre’. Tutte queste differεnze adunque, ε variεtà di sermωne, che advεngωnω, cωn una istessa ragiωne sarannω manifεste. Dicω adunque, che niunω εffεttω avanza la sua cagiωne, in quantω εffεttω; perché niuna co∫a può fare, ciò ch’ella nonnωn ὲ; εssεndω adunque ωgni nostra lωquela (excεttω quella, che fu da Diω insiεme cωn l’homω creata) a nostrω bεnεplacitω raccωncia, dωpω quella cωnfu∫iωne, la quale niεnte altrω fu, chε una ωbliviωne de la lωquεla prima, εt εssεndω l’homω instabilissimω, ε variabilissimω animale, la nostra lωcuziωne, nέ durabile, nέ cωntinua può εssere; ma cωme le atrealtre co∫e, che sωnω nostre (cωme sωnω cωstumi εt habiti) si mutanω, cωsì questa, secωndω le distanzie dei luoghi, ε dei tεmpi, ὲ bi∫ognω di variarsi; però non ὲ da dubitare, che nel modω, che havemω dettω, cioὲ, che cωn la distanzia del tεmpω, il parlare nωn si varii; anzi ὲ fermamente da tenere; perciò, che se nωi vωgliamω sωttilmente investigare le altre opere nostre, le trωveremω mωltω più differεntidadifferεnti da gli antiquissimi nostri cittadini, chε da gli altri de la nostra εtà quantunque ci sianω mωltω lωntani; il perché audacemente affermω, che se gli antiquissimi Pave∫i hora risu∫citasserω, parlerεbberω di divεrsω parlare di quellω, che hora parlanω in Pavia; nέ altrimente questω, ch’iω dicω, ci paja meravigliω∫ω, che ci parrεbbe a vedere un giωvane cre∫ciutω, il quale non havessimω vedutω cre∫cere. Perciò, che le co∫e, chε a pocω a pocω si movenω, il motω lωrω ὲ da nωi pocω cωnω∫ciutω, ε quantω la variaziωne de la co∫a ricerca più tεmpω ad εssere cωnω∫ciuta, tantω essa co∫a ὲ da nωi più stabile εxistimata. Adunque nωn si admiriamω se i discωrsi de gli homini, che sωnω pocω da le bεstie differεnti, pensanω, che una istessa città habbia sεmpre il mede∫imω parlare u∫atω; cωnciò sia, che la variaziωne del parlare di essa città, nωn sεnza lunghissimalωnghissima successiωne di tεmpω a pocω a pocω sia dienutadivenuta; ε sia la vita de gli homini di sua natura brevissimasebrevissima; se adunque il sermωne ne la istessa gεnte (cωme ὲ dettω) successivamente cωl tεmpω si varia, nέ può per alcun modω firmarse, ὲ necessariω, che il parlare di cωlωrω, che lωntani, ε separartiseparati dimωranω, sia variamente variatω; sì cωme sωnω anchωra variamente variati i cωstumi, εt habiti lωrω, i quali, nέ da natura, nέ da cωnsorziω humanω sωnω firmati; ma a bεneplacitω, ε secωndω la cωnveniεntia de i luoghi na∫ciuti. Quinci si mosserω gli inventωri de l’arte Grammatica, la quale Grammatica nωn ὲ altrω, chε una inalterabile cωnfωrmità di parlare, in divεrsi tεmpi, ε luoghi; questa εssεndω di cωmun cωnsεnsω di mωlte gεnti regulata, nωn par suggεtta al singulare arbitriω di niunω, ε cωnseguεntemente nωn può εssεre variabile. Questa adunque trωvorωnω acciò, che per la variatiωn del parlare, il quale per singulare arbitriω si muove, nωn ci fωsserω o in tuttω tωlte, o imperfεttamente date le autωrità, εt i fatti de gli antiqui, ε di cωlωrω, da i quali la diversità de i luoghi ci fa εssere divi∫i.<!-- rilettura effettuata fin qui. -->
 
 

Menu di navigazione