Stratagemmi/39

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Nicia

../38 ../40 IncludiIntestazione 18 dicembre 2014 75% Da definire

Polieno - Stratagemmi (II secolo)
Traduzione dal greco di Lelio Carani (1821)
Nicia
38 40
[p. 38 modifica]

Nicia

Navigando Nicia di notte a Corinto là dov'è il poggio chiamato Solige; e qui fatti smontare i soldati ateniesi [p. 39 modifica]niesi armati, e posta altrove un’imboscata di mille altri soldati, quindi navigò. L’altro giorno vegnente, quando l'aurora comincia apparire, da capo navigò quivi. Laonde i Corinti ciò veggendo con grandissima fretta correvano, volendo vietar loro di prender terra. Allora usciti fuori quelli che erano nell'imboscata, ne tagliarono la maggior parte a pezzi.

Mentre che gli Ateniesi si accampavano intorno ad Olimpo nella pianura la quale era dirimpetto al campo, Nicia comandò che si dovessero spargere di molti triboli. Perché il giorno vegnente il capitano delle bande de’ cavalli de’ Siracusani, il quale per nome si chiamava Ecfanto, menando fuori la cavalleria, vituperosamente voltò le spalle, perciocchè i piedi de’ cavalli venivano confitti da triboli, di modo che molti di loro non potevano pure andare, non che fuggire. E perciò le fanterie, le quali si avevano messe in piè certe scarpe dure, ne gli ammazzavano.

Nicia s'era restato d’intorno alle mura con di pochi soldati, quando il restante dell’esercito si trovava tuttora a Tasso. Laonde avendo occupato i Siracusani il terrapieno, che era nel circuito, dove custodivasi grandissima copia di legne, né l’avendo potuto egli difendere, vi attaccò il fuoco. Perché egli si accese tosto grandissima fiamma, la quale tuttavia crescendo, quindi scacciò i nemici. In questo mentre l’esercito che era a Tasso, quivi giunto, gli diede aiuto. Fuggendo Nicia da Gilippo, che lo perseguitava, si avvide più non rimanergli luogo a salvezza; il perché tosto gli mandò un’araldo, il quale si gli dicesse, [p. 40 modifica]come egli era presto a fare quelle cose tutte, che da lui gli fossero comandate, purchè mandasse alcuno a dargli, e scambievolmente ricevere la fede del giuramento. Gilippo prestando credenza all’araldo, rimanendosi di perseguitarlo, si mise a fare gli alloggiamenti, e mandò con l’araldo di Nicia chi dovesse far l'accordo. In questo mezzo Nicia, occupato un più fermo e più sicuro luogo, da capo moveva l’armi contro Gilippo, essendosi sottratto dal pericolo per l’astuzia dell’araldo.