Template:Nota separata

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[visualizza] [modifica] Documentazione


Descrizione[modifica]

Richiama una nota il cui testo è contenuto in una pagina diversa. Nella pagina la nota dev'essere marcata con una labeled section.

Uso

Ricopiare il testo sottostante e modificare le parole in blu in base alle esigenze.
{{Nota separata|nome completo della pagina contenente la nota|section in cui la nota è contenuta}}


Approfondimento[modifica]

Se la nota si trova in più pagine, è possibile aggiungere ulteriori due parametri per ciascuna pagina (terzo e quarto parametro quando la nota è separata in due pagine, poi quinto e sesto quando è in tre pagine, ecc., fino a un massimo di 6 pagine); per ogni coppia di parametri, relativa a una porzione della nota in una pagina, va specificato prima il nome della pagina, poi il nome della section.

Vedi anche {{Ns}} con una sintassi semplificata ma che ha queste limitazioni:

  1. può essere usato solo in nsPagina
  2. nelle varie pagine che contengono le parti della nota separata il nome della section dev'essere uguale

Esempi[modifica]

Il codice:

{{Nota separata|Pagina:la coltivazione degli olivi.djvu/36|1}}

produce questo: 1

  1. [p. 36 modifica]La tribù delle Acestoridi era in Argo, al dire di Callimaco, la prescelta a lavare il simulacro di Pallade nell’acque dell’Inaco.


Per una nota separata che continua su due pagine invece il codice viene scritto così:

{{Nota separata|Pagina:Deledda - Cosima, Milano, Treves, 1937.djvu/224|6|Pagina:Deledda - Cosima, Milano, Treves, 1937.djvu/225|6}}

e produce questo: 1

  1. [p. 225 modifica]Lo stesso stornello (mutos) cantano, sulla fine della prima parte di Cenere (1903), la prostituta cagliaritana Marta Rosa, e la giovine Gavina di Sino al confine (1909), « col solo motivo [p. 226 modifica]malinconico e primitivo ch’ella sapesse ripetere». In quest’ultimo romanzo il lettore troverà frequentemente personaggi, ambienti e situazioni simili a quelli di Cosima: il canonico Sulis, il padre, la cameretta di Gavina, e il fratello Luca, manesco come Andrea in Cosima a pag. 114.