Trattato di archeologia (Gentile)/Arte romana/II/Secondo periodo/Plastica/I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Plastica - Osservazioni generali

../ ../II IncludiIntestazione 5 novembre 2012 75% Archeologia

Arte romana - Plastica Arte romana - II
[p. 284 modifica]

I. Osservazioni generali.


È strano il dirlo, ma vero che noi dobbiamo in gran parte la conoscenza dei capilavori antichi alla depredazione delle opere d’arte nelle città greche da parte dei Romani, anche dopo la presa di Corinto (146 a. C.). Quando la romana Repubblica ereditò da Attalo le ricchezze del regno di Pergamo (133 av. C.), furono tolte di là molte opere d’arte della sua scuola1. Nuovo bottino si trasse da Atene, da Delfi, e da altri luoghi nei saccheggi al tempo della seconda guerra Mitridatica (86 a. C.), e dalle città asiatiche, quando, per la spedizione di Lucullo e per quella finalmente vittoriosa di Pompeo, la regione dell’Asia anteriore cadde in potere di Roma. Nè solo i conquistatori, ma anche gli annuali magistrati amministratori di provincie spigolavano avidamente quanto di bello fosse rimasto. L’esempio di Verre in Sicilia è prova eloquente della rapacità di tali dilettanti d’arte. Di greche opere riempivansi gli edifizî romani dell’ultimo tempo della Repubblica; sculture arcaiche di Bupalos e di Athenis, maestri di Chio, e con esse l’Apollo Citaredo di Scopa abbellivano il tempio e la biblioteca d’Augusto sul Palatino; statue di Hegias, di Mirone, di Fidia ornavano il portico d’Ottavia; il grande gruppo dei Niobidi, opera della giovane scuola ateniese, fu collocato nel tempio di Apollo Sosiano; il grande gruppo d’Achille colle [p. 285 modifica]deità marine, capolavoro di Scopa, era da Domizio Enobarbo consacrato nel tempio di Nettuno; Asinio Pollione, E. Scauro, M. Agrippa, Mecenate, Nonio Vindice formavano ricchissime collezioni artistiche; una galleria d’arte era necessario ornamento d’ogni ricca dimora romana. Caligola imperatore aveva spedito a un suo legato nelle città greche a racimolare quanto di bello possedessero. Nerone mandò simile legazione per ornare la domus aurea, e nella sola Delfo trovò ancora da rubare a centinaia le statue di bronzo: tanto meravigliosamente feconda era stata l’arte greca! Alla depredazione seguiva spesso la distruzione, o per accidentali sventure, quali gli incendi del tempo di Nerone, di Vitellio, di Tito; od anche per barbarico capriccio, come fu di Caligola, che fece decapitare molte statue greche per porre su quelle la propria effigie. Avvenne allora questo fatto degno di osservazione, che Roma, spenta la Grecia, e divenuta sacraria dei capilavori delle varie scuole greche, si formò come un gran museo e, quantunque dell’arte non avesse che il senso riflesso, divenne la capitale dell’arte2.

Però, siccome questo fatto non proveniva da ingenita disposizione artistica, ma da avidità di conquista e brama avida di raccogliere, lo studio dell’arte vi diventò preziosa curiosità, lavoro da collezionisti, e ciò fin dalle conquiste nella Grecia e per tutto l’Impero. Già Cicerone, che pure [p. 286 modifica]pregiava ed intendeva l’arte greca, si scusa e quasi nasconde il gusto e l’intelligenza sua3. Ma quando poi tal ritrosia fu vinta, la conoscenza dell’arte greca divenne parte d’una ben finita educazione letteraria, ma ristretta ad un’intellettuale aristocrazia, con carattere di cultura storica e d’erudizione, di ostentazione di dottrina. La Grecia era meta del pensiero e del desiderio di ogni ben educato romano; Cicerone, padre e figlio, Virgilio, Orazio l’avevano visitata a scopo di studio; già era nata la poesia e la melanconia delle ruine; si facevano viaggi in paesi lontani e ormai spopolati solo per ammirarvi qualche capolavoro scampato alle mani dei depredatori; per null’altro era visitata Tespie di Beozia che per vedervi l’Eros di Prassitele; e l’Afrodite di questo maestro faceva accorrere gente a Cnido. Ma assai troppo spesso erano viaggi di lusso e di curiosità, per dire: «ho veduto». Nè pare che il sentimento artistico della nazione romana se ne avvantaggiasse più di quello che s’avvantaggi il gusto estetico della gran massa della nazione inglese per i tesori del Museo Britannico, o per gli incessanti viaggi in Italia. Acquistar opere d’arte, aver una ricca collezione era moda, e per sola ostentazione molti profondevano in ciò patrimonî4. Indi le pretese d’intendersene, e il fare della finezza del gusto e dell’abilità della critica un pregio sommo5. A molte opere d’arte [p. 287 modifica]spesso davasi gran pregio, non per valore intrinseco ma per rarità storica; per questo rispetto estimavansi assai oggetti d’arte posseduti da uomini insigni, ed opere non finite, quando fossero lavoro di celebre maestro. È cosa evidente che tale passione si limitasse ad un ordine privilegiato di cittadini, ai ricchi dilettanti. Vuolsi tuttavia osservare che tanta copia di greche opere esposte in pubblico dovevano svegliare alcun amore e sentimento artistico anche nel popolo; e potrebbe esserne testimonianza il malcontento popolare contro Tiberio, quando aveva fatto togliere dalle Terme l' Apoxuomenos di Lisippo6. Ma era sempre un sentimento d’ammirazione per l’arte straniera, non già il destarsi d’un vero spirito artistico. I Romani ci si presentano non come continuatori dell’arte greca, ma come un popolo di Mecenati, che con la potenza e con la ricchezza diedero rinnovamento a quell’arte che nella città di Grecia decadute e impoverite più non trovava alimento. L’arte greca, dunque, spenta, come ho detto, in Grecia, ebbe sua nuova sede in Roma; ma essa aveva allora già da assai tempo percorso ogni suo grado, aveva davanti a sè un cumulo di tradizioni e di prototipi, che, soffocando ogni nativa aspirazione, produceva un lavoro di riflessione e di riproduzione. La quantità d’opere raccolte in Roma rappresentava le varie scuole che producevano uno stile accademico, senza diretta ispirazione dalla natura, ma inteso alla rinnovazione e alla ricomposizione dei pregi delle scuole antiche.

Note

  1. Sulla Scuola di Pergamo ved. Gentile, Storia dell’arte greca, Milano, Hoepli, 1883, pag. 164 e seg.; cfr. Atlante, id., tav., e Collignon, Histoire de la sculpture grecque, II, pag. 500.
  2. In questo volume non si tien conto che delle statue e delle opere d’arte più specialmente romane, riservando lo studio degli originali e delle copie dei capilavori greci al volume della Storia dell’arte greca, che si sta preparando interamente rifatto sull’edizione del prof. Gentile, (Milano, Hoepli, 1883), e che ha già a sua illustrazione un Atlante di 149 tav. (Milano, Hoepli, 1892).
  3. Cicerone in Verr., IV, 2.
  4. Ved. Orazio, Satire, 3, 64: Insanit veteres statuas Damasippus emendo.
  5. Occorre il detto di Trimalcione: Meum intendere nulla pecunia vendo, e l'osservazione di Stazio circa la bravura del riconoscere l’autore d’un’opera anche senza essere segnato; Silvae, IV, 6: Artificum veteres cognoscere ductuset non inscriptis auctorem reddere signis.
  6. Ved. Gentile, Storia dell'arte greca cit., pag. 145. Cfr. Atlante id.. tav. CXV.