Troppi vizzi!

Da Wikisource.
romanesco

Adolfo Giaquinto 1908 T poesie letteratura Troppi vizzi! Intestazione 2 agosto 2009 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Al caro amico e maestro Giggi Zanazzo.

 
Si, nun se po' negà, qui anticamente
Se campava un po' troppo a la carlona,
Ciavémio troppi vizzî, e tanta gente
Cresceva in d'una pacchia buggiarona;
5Magnà, beve, vignate, carnevale...
Eh, s'erimo avvezzati troppo male!

Ma, fortunatamente ch'er progresso
È venuto a rimettece giudizzio,
Perché già cià levato quarche vizzio
10E penserà a levacceli in appresso,
E a forza de levalli a uno a uno
Nun ciavremo vizzi più gnisuno.

Er governo e l'aggente de le tasse
Ciànno levato er vizzio de magnà;
15A beve c'è toccato a lassà annà
Perché a le vorte c'è da avvelenasse;
E quanno uno nun beve e nun cucina
Nun je serve nemmanco la latrina.

Apposta, a Campidojo, l'assessori
20De l'edilizzia, da un pezzetto in quà
Fanno levà tutti l'orinatori,
Cusì chi cià'r vizziaccio d'orinà
Cerca de prescia in tutti li cantoni
'Nsino che se la fa 'nde li carzoni.

25Poi, a forza d'aricresce le piggione
Se leveremo er vizzio d'abbità,
Accusì s'anneremo a rintanà
O in quarche macchia come Gasperone,
O come Adamo e' Eva in d'un giardino
30Co' 'na fronna de fico sur pipino!

Settembre 1908