Ululati

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Enrico Onufrio

1878 U Poesie letteratura Ululati Intestazione 26 maggio 2008 75% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Quando l'ora verrà della riscossa,
Genti misere e grame,
Oh, certo fremeran dentro la fossa
Tutti i morti di fame!

5E dai sepolcri sporgeran la testa,
E agiteran le braccia,
Truci fantasmi della grande festa,
In segno di minaccia.

Noi scenderemo nei loro antri oscuri,
10E strapperem quell'ossa;
Ci serviran per batter sui tamburi
L'inno della sommossa!

In quel giorno s'ascondan fra le nubi
I raggi del bel sole;
15Non vogliamo né danze di cherubi,
Né olezzi di viole;

Ma sia tenebra ovunque, e una gran voce
Alta squilli e sonora:
Sorgete, o vinti, a vendetta feroce,
20Sorgete, è l'ora! è l'ora!

E i vinti sbucheran dai lor covili,
Strette le labbra e mute;
E, acceso il volto, dagli sporchi asili
Verran le prostitute....

25O giornata di febbre e d'esultanza,
O momenti di gioia,
Allorquanto farem la trista danza,
Noi, tramutati in boia!

Quando, al chiarore delle torce a vento,
30I panciuti epuloni
Noi li vedremo dondolare al vento,
Dai neri lampioni!

Vieni, o fanciulla dalla chioma nera,
Corri meco e gavazza;
35Non basta il vino; mesci, o petroliera,
Del sangue in questa tazza!

Ed ubbri'achi del licor feroce,
Faremo l 'altalena
Fra i lacci delle Forche, e tu una voce
40Intonerai di jena.

Se il sole guizzerà gaio e lucente
Fra soccombenti eroi
Allora, o donna dallo sguardo ardente
C'impiccheremo noi!