Una lampada

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Elena Aganoor

XIX secolo poesie/Scritture di donne letteratura Una lampada Intestazione 20 giugno 2008 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Amica di mie veglie, entro l'oscura
Stanza silenzïosa, il picciol foco
Guardo talor con amorosa cura,
Che solitario brilla.
5L'anima tua fra i bei vetri sicura
Mira diritta al cielo e raro oscilla,
Pur si andrà consumando a poco a poco
La sorte che ti danna è la mia sorte.


Più viva assai di quella tua fiammella
10Più amabil, più superba e più sdegnosa,
Ardere, occulta entro l'angusta cella,
Sento l'anima mia.
In ricca veste, trasparente e bella,
Non della tua men frale, a eccelsa via
15Mira più sola e più di te dubbiosa:
Ambe ci spegnerà la cruda morte.


Mentr'io cercando per l'ignoto immenso
Inutil vivo, inutil non mi sei
Tu, che del viver tuo pur non hai senso
20E a cui favello invano.
Ma non perciò ch'io t'amo e sento e penso,
Giungo a scoprir del viver mio l'arcano
Chè, non più de'tuoi raggi, i lumi miei
Ponno passar per entro a opache porte.