Versi editi ed inediti di Giuseppe Giusti/La Repubblica

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La Repubblica. — A Pietro Giannone

../A Leopoldo Secondo ../Ad una Donna (1) IncludiIntestazione 4 marzo 2020 75% Da definire

La Repubblica. — A Pietro Giannone
A Leopoldo Secondo Ad una Donna (1)
[p. 303 modifica]

LA REPUBBLICA.


A PIETRO GIANNONE.


Non mi pare idea sì strana
     La repubblica italiana
                              Una e indivisibile,

Da sentirmene sciupare
     Per un tuffo atrabiliare
                              Il cervello, o il fegato.

Fossi re, certo, confesso
     Che il vedermi intorno adesso
                              Balenare i popoli,

E sapere, affeddeddio!
     Che codesto balenío
                              Significa — vattene,

Io vedrei questa tendenza,
     A parlare in confidenza,
                              Proprio contro stomaco.

Pietro mio, siamo sinceri:
     La vedrei mal volentieri
                              Anche, per esempio,

Se ogni sedici del mese,
     Alla barba del Paese
                              Trottassi a riscuotere.

Non essendo coronato,
     Non essendo salariato,
                              Ma pagando l’estimo;

[p. 304 modifica]


Che mi decimi il sacchetto
     O la Clamide o il Berretto,
                              Mi par la medesima.

Anzi, a dirla tale e quale,
     Vagheggiando l’ideale
                              Per vena poetica,

Nella cima del pensiero,
     Senza fartene mistero,
                              Sento la repubblica.

Ma se poi discendo all’atto
     Dalla sfera dell’astratto,
                              Qui mi casca l’asino.

E gl’inciampi che ci vedo
     Non mi svogliano del Credo;
                              Temo degli Apostoli.

Come! appena stuzzicato
     Il moderno apostolato,
                              Pietro, ti rannuvoli?

Mi terrai sì scimunito,
     Che grettezza di partito
                              Mi raggrinzi l’anima?

Oh lo so: tu, poveretto,
     Senza casa, senza tetto,
                              Senza refrigerio,

Ventott’anni hai tribolato,
     Ostinato nel peccato
                              Dell’amor di patria!

All’amico, al galantuomo,
     Che sbattuto, egro, e non domo
                              Sorge di martirio,

Do la sferza nelle mani;
     E sul capo ai ciarlatani
                              Trattengo le forbici.

[p. 305 modifica]


Dunque, via, raggranellate
     Queste genti sparpagliate
                              Tornino in famiglia.

Senza indugio, senza chiasso,
     Ogni spalla il proprio sasso
                              Porti alla gran fabbrica.

E sia Casa, Curia, Ospizio,
     Officina, Sodalizio,
                              Torre e Tabernacolo,

E non sia nuova Babelle
     Che t’arruffi le favelle
                              Per toccar le nuvole.

Perchè, vedi: avendo testa
     Di cercare a mente desta
                              Popolo per Popolo,

Ogni cura in fondo in fondo
     Si rannicchia a farsi un mondo
                              Del suo Paesucolo;

E alla barba del vicino
     Tira l’acqua al suo mulino
                              Per amor del prossimo.

La concordia, l’eguaglianza,
     L’unità, la fratellanza,
                              Eccetera, eccetera,

Son discorsi buoni e belli;
     Tre fratelli, tre castelli,
                              Eccoti l’Italia.

O si svolge in largo amore
     Il gomitolo del cuore
                              (Passa la metafora),

E faremo in compagnia
     Una tela, che non sia
                              Quella di Penelope:

[p. 306 modifica]


O diviso e suddiviso
     Questo nostro paradiso
                              Col sistema d’Hanneman,

Ottocento San Marini
     Comporranno i Governini
                              Dell’Italia in pillole.

Se non credi all’apparenze,
     Fa’ repubblica Firenze,
                              E vedrai Peretola.

E così spezzato il pane,
     Le ganasce oltramontane
                              Mangeranno meglio.