Viaggio intorno alla mia camera/Capitolo XL

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo XL

../Capitolo XXXIX ../Capitolo XLI IncludiIntestazione 17 aprile 2020 75% Da definire

Capitolo XXXIX Capitolo XLI
[p. 151 modifica]

CAPITOLO XL.


Qual ricco tesoro di piaceri la buona natura ha preparato per gli uomini, il cui cuore sappia godere? E in essi qual varietà, quante gradazioni innumerevoli, secondo i differenti individui, e le differenti età della vita? — La rimembranza confusa di quelli della mia infanzia ancor mi fa trepidare di gioja. Tenterò io descrivere quelli che prova il giovinetto, il cui cuore comincia ad ardere di tutto il fuoco del sentimento; in quell’età felice, a cui per anco è ignoto fino il nome d’odio, d’ambizione, di cupidigia, o d’altre vergognose passioni tormentatrici dell'umanità? Tempo ahi! troppo breve, in cui il sole brilla d’uno splendore [p. 152 modifica]che più non sì vagheggia nel resto della vita, — in cui l’aria è più pura, — le fontane sono più limpide e fresche, — i boschetti più ameni e sparsi di sentieri, che mai più non si ritrovano, — i fiori più olezzanti, — le frutta più deliziose, — i colori dell’aurora più vaghi, — le donne più amabili, e tutte fedeli, — gli uomini tutti buoni, generosi, cordiali, — il mondo insomma tutto pieno di delizie e di virtù.

Nulla dico delle dolci agitazioni dell’amore... nulla della viva speranza d’una indefinita felicità.

E i primi sogni della gloria.... e i primi piaceri della beneficenza... e la soave malinconia, che di tempo in tempo si mescola ai più lieti sentimenti, solo per farci gustare la voluttà delle lagrime? [p. 153 modifica]

Ma ogni cosa è allora sorgente di viva soddisfazione, — onde nessuno si meravigli, che lo strepito fatto da Gioannetti, percotendo la caffettiera ad uno degli alari, e l’aspetto impreveduto d’una tazza, di fior di latte abbia prodotto sopra di me un impressione tanto aggradevole.