Wikisource:Sala stampa/Wikisource

Da Wikisource.


Nuvola apps knewsticker.png

Sala stampa
Comunicati stampa · Press kit · Ultime notizie · Analisi di Wikisource · Rassegna stampa (altre segnalazioni e commenti)
Categoria:Pubbliche relazioni


Il logo di Wikisource

Wikisource è una biblioteca online multilingue liberamente consultabile sul Web.
Wikisource si chiamava in origine "Project Sourceberg" nel corso della sua progettazione (un gioco di parole basato su "Project Gutenberg"); aveva inizialmente l'intento di separare l'enciclopedia Wikipedia dalle fonti delle voci che vi erano pubblicate.
Il progetto prese il via il 24 novembre 2003. Il 6 dicembre dello stesso anno fu scelto al termine di una votazione il nome "Wikisource".
A fronte di un gran numero di nuovi utenti e di pagine pubblicate, il 23 luglio 2004 il progetto acquisì un proprio dominio presso http://wikisource.org.
Seguendo le tracce di Wikipedia una successiva votazione terminata il 12 maggio 2005 promosse l'adozione di sottodomini per le edizioni in lingue distinte tra cui l'italiano, che assieme ad altre tredici lingue cominciò la propria attività autonoma il 23 agosto 2005.
La caratteristica principale di questo progetto è di essere interamente scritto da volontari: chiunque può inserire un nuovo testo istantaneamente. Per quanto i testi siano di norma inseriti da un solo utente, più spesso la loro elaborazione è il frutto del lavoro di molte persone che contribuiscono migliorarne la presentazione e l'accuratezza. Il risultato è un perenne "lavoro in corso", che cresce sempre e tende sempre a migliorarsi.

I bibliotecari di Wikisource hanno alle spalle storie molto diverse: sono studenti, insegnanti, esperti o semplici appassionati di libri e letture, ognuno dei quali contribuisce nel proprio campo d'interesse. Wikisource crede che ogni persona abbia il diritto di imparare, ma anche che ogni libro abbia qualcosa da insegnare e meriti la massima diffusione e considerazione. I partecipanti sono liberi di decidere se crearsi un'identità, fornendo un nome utente e una password, o meno: la registrazione non è obbligatoria.

Wikisource adotta tra le sue regole basilari l'obbligo di riportare la fonte dei testi inseriti, incoraggiando le persone ad inserire testi con provenienza certa e reperibile, facendo dell'attendibilità un proprio punto di forza.

Tutti i contenuti presenti su Wikisource sono rilasciati in pubblico dominio o con una licenza "aperta", la GNU Free Documentation License; possono infatti essere usati, modificati, copiati e ridistribuiti con la più ampia libertà, nel pieno rispetto della licenza stessa.

Ad oggi Wikisource è disponibile in 51 lingue e conta in totale più di 400.000 volumi (111 013 delle quali in italiano) elaborati da oltre 20.000 utenti.

Wikimedia[modifica]

Il logo di Wikimedia Italia

Wikisource è un progetto curato dalla Wikimedia Foundation, l'associazione non-profit americana nata a giugno del 2003 con la finalità di incoraggiare la crescita e lo sviluppo di progetti open content, basati sul WikiWikiWeb e fornire gratuitamente e senza alcuna pubblicità i contenuti di questi.

Wikimedia Italia è la corrispondente italiana di Wikimedia Foundation. Costituitasi nel giugno 2005, l'associazione, che non ha fini di lucro, si propone di contribuire attivamente alla diffusione e alla condivisione del sapere e della cultura, promuovendo i progetti curati dalla Wikimedia Foundation.

Ulteriori informazioni[modifica]

Contatti[modifica]

L'addetto stampa dell'edizione in lingua italiana di Wikisource è Andrea Zanni, che può essere contattato per email.

Ulteriori informazioni sono disponibili presso la sala stampa della Wikimedia Foundation.