Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/54

Da Wikisource.
38 robinson crusoe


carne, nè di qual natura fosse quel grano; pure avevamo tutta la buona voglia d’accettar queste cose. Ma il come arrivare a tale intento fu il soggetto della prima ed ultima disputa che avemmo insieme, perché io non mi sentiva d’arrischiarmi a por piede su la spiaggia, ed essi avevano altrettanta paura di noi; ma s’attennero ad un espediente sicuro e per una parte e per l’altra, perchè portarono le vettovaglie su la riva e le posero giù, indi se ne andarono e ci stettero ad una grande distanza finchè le avessimo tirate a bordo; allora si accostarono di nuovo alla nostra scialuppa.

Noi femmo loro grandi ringraziamenti per cenni, chè non avevamo altra moneta per compensarli; ma in quel momento medesimo ne si offerse un’opportunità di rendere ad essi un segnalato servigio; perchè mentre continuavamo a fermarci a vista della spiaggia, scesero dalle montagne due potenti belve, una delle quali, a quanto ne parve, inseguiva l’altra con gran furore verso del mare. Se il maschio inseguisse la femmina, o vero se così facessero per diporto o rabbia, noi non lo sapremmo dire, come non potremmo dire, se un tal caso fosse strano o comune colà; ma io direi ch’era la prima volta, e perché quelle belve rapaci raramente si lasciano vedere fuorchè di notte, e perchè scorgemmo quegli abitanti straordinariamente impauriti, massime le donne. L’uomo che portava la lancia, o dardo o bastoncello che fosse, non fuggì, ma fuggirono tutti gli altri, ancorchè le due fiere, correndo direttamente verso l’acqua, non paressero vogliose di scagliarsi addosso ad alcuno di que’ Negri, ma bensì di gettarsi nel mare, ove si diedero a notare qua e là, come per loro divertimento. Finalmente uno di questi animali cominciava ad avvicinarsi alla nostra scialuppa più di quanto mi avrei aspettato; ma mi trovò pronto ai suoi comandi, che aveva già caricato il mio moschetto con ogni possibile celerità, e intimato a Xury di fare lo stesso con gli altri due. Appena un de’ due animali mi fu venuto bellamente a tiro, gli feci fuoco addosso e lo colpii nella testa. Si sprofondò tosto nell’acqua, ma uscitone un momento dopo andava dibattendosi da una parte e dall’altra come chi resiste invano alla morte; e così era di fatto: esso si sforzava di arrivare subitamente alla spiaggia, ma tra per la sua ferita ch’era mortale e lo annegamento dell’acqua stessa, morì prima di averla raggiunta.

Egli è impossibile l’esprimere lo sbalordimento da cui furono presi que’ poveri abitanti ai fuoco e al romore del mio moschetto. Alcuni