Pagina:Dodici monologhi di Gandolin.djvu/44

Da Wikisource.
38 la macchina per volare


ma egli è capace di venirmi appresso e farmi anche una scena sulla strada ma se io avessi una macchina per volare!...

Pensa e ripensa, egli non ebbe le cinquanta lire, ma io scopersi questa macchina portentosa, che è tutto il contrario di quello che disse Archimede: Toglietemi un punto d’appoggio e io mi sollevo dal mondo.

È un meccanismo così semplice che pare quasi una burletta. Ecco di che si compone: d’una navicella, d’un motore a gaz, di due ingranaggi a scambio simultaneo, di una trasmissione, di una puleggia e di due grandi eliche di tela, con un movimento centrifugo, e infine di un manubrio con lo stantuffo ad aria compressa. E funziona così: il motore naturalmente.... (gesti) allora per via degli ingranaggi.... (c. s.) le ruote della trasmissione subito si.... (c. s.) in modo che la puleggia naturalmente.... si.... (c. s.) così che l’elica di destra.... (gira a tondo il braccio) e l’elica di sinistra.... (c. s.) in modo che basta afferrare il manubrio (gesti verticali come se girasse rapidamente) e allora.... immediatamente lo stantuffo....