Pagina:Tempesta.djvu/41

Da Wikisource.


Atto primo, Scena seconda 25



                             Prospero.
                                          Ah sì? Da vero?
Ben una volta al mese è necessario
ch’io ti ripeta quel che fosti. E tu
l’hai già dimenticato. Quella strega
malvagia, Sicoràx, come tu sai
fu bandita da Algeri per delitti
innumeri e incantesimi capaci
di spaventare umano orecchio e pure
le salvaron la vita in prò di certa
sua azione. Non è vero?

                              Ariele.
                                              Sì,
o signore.

                             Prospero.
            Cotesta fattucchiera
dall’occhio cispellino fu condotta
quivi col figlio e abbandonata dalla
ciurma. E tu, schiavo mio, come sovente
mi hai narrato, eri suo servo e perchè
eri uno spirto troppo delicato
per compiere le infami e obbrobriose
sue volontà, ti rifiutasti ai gravi
ordini che ti dava e allor nell’impeto
dell’implacabil ira ella ti chiuse
- di possenti ministri con l’aiuto -