Çittara zeneize/Elogio del signor Gabriello Chiabrera sovra il Cavalli

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Gabriello Chiabrera

Elogio del signor Gabriello Chiabrera sovra il Cavalli ../Prefazione ../Regole d'Ortografia IncludiIntestazione 4 agosto 2014 75% Da definire

Prefazione Regole d'Ortografia
[p. xiv modifica]

ELOGIO DEL SIGNOR


GABRIELLO CHIABRERA


SOVRA IL CAVALLI,


Da una sua lettera de' 10 Decembre 1630 di Savona.



I Popoli della Grecia per li tempi antichi, abitando in varie Regioni, favellavano variamente; onde appellossi uno Idioma Attico, altro Dorico, ed altro Jonico, ed altro Eolico. Ciascuno di questi ebbe molti Scrittori e di chiara fama. Tal cosa non intervenne all'Italia anticamente, perchè altra scrittura non si usò, nè a noi è trapassata, salvo Romana. Dopo ammutolitasi la Lingua Latina, in Italia sorsero molti linguaggi, per la lunga dimora, che vi fecero Popoli Barbari: ma niuno ebbe pregio, se non fu il Fiorentino; e per lunga stagione e Prose e Versi solamente Fiorentinamente si dettarono. Ben leggesi presso Dante in una Scrittura, ch’egli latinamente compose, ed appellolla De vulgari eloquentia, che sua opinione era, che d‘ogni lingua d’Italia si facesse quasi una messe; stimando così doverti più arricchire ed ornare la favella: ma non veggiamo essersi abbracciata sì fatta opinione; e però Fiorentinamente hanno gli uomini distesi i loro componimenti. A’ nostri giorni sorsero in Padova ed in Vicenza Spiriti vivaci e leggiadri, i quali poetarono sotto nome di Begotto e di Menone in favella Vicentina e Padovana di Contado; e la loro eccellenza ha tratti uomini di senno a leggerli di buon grado. [p. xv modifica]Ora vive uomo Genovese, che a nome chiamasi Gian-Jacopo Cavalli; ed egli ha composto in volgare di Genova Sonetti e Canzoni, rappresentando Amori di Pescatori e di personaggi plebei; ma per salda verità altro deono stimarsi che plebee Poesie. Egli ha tra le Muse potuto porre una lingua in pregio, la quale fra’ popoli era quasi in vilipendio; e per ischerzo ha rappresentate passioni di gente vile in favella disprezzata, per modo che meglio non si è fatto da Poeti chiari da buon senno in idiomi nobili; ed io non mi vergogno punto d’affermarlo. Veramente alcuna volta Omero poetò quasi andando a diporto per lo Parnaso, e prese a dire le mortali battaglie che si diedero una volta i topi con esso i ranocchi; e quivi fu Omero senza fallo: ma egli non diede gloria al volgare Greco, già celebrato per ogni parte; solamente inalzò materia bassa con sua gran maestria. Gian-Jacopo Cavalli, imitando gravi passioni di minuta gente, ha rischiarata favella non conosciuta, e si forza a gli stranieri di apprenderla, per godere di cosa riputata non possibile ad avvenire; ed altri rimane con meraviglia, recandosi in mano componimenti presi a leggere con intendimenno di ridere solamente. Dunque se la favella è opera propria dell’uomo, il Cavalli, con onorare l’idioma Genovese, ha fatto onore alla sua nazione in cosa, onde gli abitatori delle nostre Riviere non rimanevano senza vergogna, adoperandola malamente. Per certo in ciò fare è stata nuova e strana vaghezza: ma la Liguria produce uomini Trovatori, e Trovatori di cose non immaginate e appena credute.