A l'Assessore de l'Iggiene

Da Wikisource.
romanesco

Adolfo Giaquinto 1893 A poesie letteratura A l'Assessore de l'Iggiene Intestazione 21 febbraio 2009 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Sor Assessore mio, tutta st'istate
Ciavete fatto er bullo e lo scontento,
E mannavio le guardie 'gni momento
4A sequestrà la gente a carettate 1.

E che vordì che mo' nun sequestrate
Quer maruvano che c'è ar Parlamento? 2
Co' tanti casi che ce so' lì drento
8Mo' le pizzarde nun ce le mannate?

Eppuro er comitato de li sette
L'ha detto chiaro e tonno, l'ha spiegato,
11Si quale so' 'ste personcine infette!

Mannate armeno un carro de cloruro,
Perché co' quer colera che c'è stato
14Lì drento s'è infettato puro er muro!

Novembre 1893.

Note

  1. In quei giorni si diceva che serpeggiava il colera ed il municipio sequestrava e mandava al lazzaretto chiunque ne avesse qualche sintomo.
  2. Le rivelazioni del Comitato dei sette.