Rime (Guittone d'Arezzo)/A te, Montuccio, ed agli altri, il cui nomo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A te, Montuccio, ed agli altri, il cui nomo

../Omo fallito, plen de van penseri ../Ragione mosse ed amor lo fattore IncludiIntestazione 8 aprile 2008 75% Poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
A te, Montuccio, ed agli altri, il cui nomo
Omo fallito, plen de van penseri Ragione mosse ed amor lo fattore


[p. 266 modifica]

237

Ammonisce Monte Andrea e gli altri, cui son graditi i suoi versi, perché non s’attengano a quelli ch’egli stesso ritrattò.


     A te, Montuccio, ed agli altri, il cui nomo
non giá volontier molto agio ’n obrio,
a cui intendo che savoro ha ’l mi pomo,
4che mena il piccioletto arboscel mio,
     non diragio ora giá quanto e como,
disioso, di voi agio desio;
ma dico tanto ben, che nel meo domo
8con voi sovente gioi prendo e ricrio.
     E poi de’ pomi miei prender vi piace,
per Dio, da’ venenosi or vi guardate,
11li quali eo ritrattai come mortali;
     ma quelli, che triaca io so verace,
contra essi e contr’ogne veleno usate,
14a ciò che ’n vita siate eternali.