Opera:Antigone (Sofocle)

Da Wikisource.
(Reindirizzamento da Antigone (Sofocle))
Jump to navigation Jump to search
Antigone
Titolo originale: Ἀντιγόνη
Edizioni disponibili nelle varie lingue:
  • Antigone
  • Antigonè
  • Antigone
  • Antígona
  • Antigonae
  • Antygona
  • Antygona
  • Antigone
  • Antigone
  • Antigone
  • Antigone
  • Antigone
Lytras nikiforos antigone polynices.jpeg

Antigone è una tragedia di Sofocle, rappresentata per la prima volta ad Atene alle Grandi Dionisie del 442 a.C.

L’opera appartiene al ciclo di drammi tebani ispirati alla drammatica sorte di Edipo, re di Tebe, e dei suoi discendenti. Altre due tragedie di Sofocle, l'Edipo re e l'Edipo a Colono, descrivono gli eventi precedenti, benché siano state scritte anni dopo.

L'opera racconta la storia di Antigone, che decide di dare sepoltura al cadavere del fratello Polinice contro la volontà del nuovo re di Tebe, Creonte. Scoperta, Antigone viene condannata dal re a vivere il resto dei suoi giorni imprigionata in una grotta. In seguito alle profezie dell’indovino Tiresia e alle suppliche del coro, Creonte decide infine di liberarla, ma troppo tardi, perché Antigone nel frattempo si è suicidata impiccandosi. Questo porta al suicidio il figlio di Creonte, Emone (promesso sposo di Antigone), e poi la moglie di Creonte, Euridice, lasciando Creonte solo a maledire la propria stoltezza.

Edizioni disponibili[modifica]