Archivio Glottologico Italiano, vol. II, 1876/Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV/CXXIII. De terrore parlamenti

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXXIII. De terrore parlamenti

../CXXII. De nostri cives antiqui qui sunt male dispoxiti ../CXXIV. De no trepando manescamenti IncludiIntestazione 26 marzo 2014 75% Da definire

Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - CXXII. De nostri cives antiqui qui sunt male dispoxiti Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - CXXIV. De no trepando manescamenti
[p. 287 modifica]

CXXIII.
De terrore parlamenti (ivi).


Se pusor an strenzimento
per penser d alcun tormento,
quando sona parlamento
4d unna poestae segorar;
e per ch e no me spavento,
chi tanto ofeiso me sento,
de lo fer zuigamento
8de lo gran re celestiar,
chi tuto ve ode e sa
quanto omo dixe e fa,
se pagamento atrui da
12ni mai alcun gi po scampar?
s e tal pendente ogn omo sta
senza chi aver ni stallo ni ca,
per che no penssa d andar la
16donde alcun ben no po manchar?
o tristo chi morir se ve,
que li mar segue che lo fe,
e si portando da tar re
20de senza fin penna portaa!
donca ogn omo forza se de,
con drite ovre e con fe,
de far vivando lo per che
24sempre con De possa e regnar.