Archivio Glottologico Italiano, vol. II, 1876/Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV/CXXII. De nostri cives antiqui qui sunt male dispoxiti

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
CXXII. De nostri cives antiqui qui sunt male dispoxiti

../CXXI. De utendo in mane parvum do bono vino ../CXXIII. De terrore parlamenti IncludiIntestazione 26 marzo 2014 75% Da definire

CXXII. De nostri cives antiqui qui sunt male dispoxiti
Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - CXXI. De utendo in mane parvum do bono vino Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - CXXIII. De terrore parlamenti
[p. 287 modifica]

CXXII.

De nostri cives antiqui qui sunt male dispoxiti (c. lxxxix).


Grevementi me despiaxer1
che li nostri maioranti
de mar far son si ranti2
4che nixun de lor a paxe.
tuto lo mundo e malvaxe;
che grandi, mezan e fanti
ardem de vicij tanti
8como chi fosse in fornaxe.
conturbao ogni cor iaxe,
quaxi tuti son erranti.
ma De voia e li soi santi
12che, segondo a lui piaxe,
de tar e tanto amo li abraxe,
che de lor se cerna alquanti
chi apage li xarranti
16en tranquilitae veraxe.

Note

  1. CXXII, 1. despiaxe.
  2. 3. cosi chiaramente il ms. L’Arch. stor. nanti, e cosi forse (o meglio in anti) possiam correggere.