Archivio Glottologico Italiano, vol. II, 1876/Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV/LXXV. De condicione terrarum et civitatum

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LXXV. De condicione terrarum et civitatum

../LXXIV. De guagno furmenti mortuo frutificante ../LXXVI. Quando preliaverunt xxxx dies in Janua inter Guerfos et Gibelinos IncludiIntestazione 5 marzo 2014 75% Da definire

Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - LXXIV. De guagno furmenti mortuo frutificante Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - LXXVI. Quando preliaverunt xxxx dies in Janua inter Guerfos et Gibelinos
[p. 254 modifica]

LXXV.
De condicione terrarum et civitatum
(ivi, tergo).


Terra chi per gente alcuna,
no per voluntae comuna,
receive in si alcun segnor
4chi cubita d aver honor,
poi che no o1 segnor vraxe
ma no ai2 intrega paxe.
che quelli chi no ll am vosuo
8semper n an lo cor gronduo,
ni mai cessam dasse lagno
de zitarlo zu da cavalo;3
per zo ne e mai4 la terra
12senza gran ranchor e guerra.
che chi de raxon parer
che nixun homo possa aver
per forza d alcun marandrim
16segnoria de soi vexin?
mai salvamento aver no po
regnando zo che elo no e so.
o quanti ne son strabuchai
20per tropo in aoto montar!5
che per mantener quelor
chi a lui an dao favor
e n deverli munerar,
24conven a lui l atrui strepar,

[p. 255 modifica]

e torto far a li meschim,
che e lo6 mar vi a la per fin.
e cossi in monte guisse
28mar uncha se ne tramisse;
che per iniuria e rapina
la terra mete in ruina:
e poi che ello fa tanto dano,
32no e segnor, ma e tirano.
ma chi mantener voresse
terra chi crexe devesse,
per menar drita lignora
36vorra aver Poestae de fora,
chi per tener drita baranza
non aquistasse7 cointanza,
per dar a picen ni grande
40se no zo che raxon comande;
e per drizar le cosse torte
fai8 iustixia si forte,
che ogn omo se spaventasse ben9
44chi aotrui noxer penssase,
procurando lo ben comun:
e se ge fosse for alcun
chi falimento ge faesse,
48che penne ne sostenese.
cossi serea la citae,
se ben staesse in unutae,10
e pochi di, de fora e d entro,
52en grande honor e creximeuto.
ma ben g e un atra raxon
chi de guerra e caxon:
quando g e citain si grandi,
56chi statuti leze e comandi
desprexian per so orgoio,
fazando a atri grande inoio;
si che ta or in questa guisa
60ge nase guerra e divisa.
ma De sempre la mantegna
che senestro no g avegna,
ma tute or ge sea paxe
64e amor de De veraxe.

Note

  1. LXXV, 5. no e.
  2. 6. mai no a.
  3. 10. forse zu de scagno.
  4. 11. l’e, di lezione dubbia. È un carattere aggiunto sopra la linea, che somiglia piuttosto a de, ma forse può esser cifra equivalente ad e. Correggo: no e mai.
  5. 20. corr.: esser montai.-
  6. 26. ms.: che elo.
  7. 38 ms.: no na quistasse.
  8. 42. far.
  9. 43. ben se spaventasse. -
  10. 50. unutae od umitae può leggersi (nel secondo caso, coll’i senz’apice, come sovente). Ma correggeremo: unitae.