Archivio Glottologico Italiano, vol. II, 1876/Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV/V. Ad sanctam Luciam

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
V. Ad sanctam Luciam

../IV. Ad sanctum Petrum ../VI. Expositio Miserere mei Deus IncludiIntestazione 3 marzo 2014 75% Da definire

Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - IV. Ad sanctum Petrum Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - VI. Expositio Miserere mei Deus
[p. 167 modifica]

V.


Ad sanctam Luciam (c. vii).


Madona santa Lucia,
de gran meriti condia,
monto nobel per natura,
4dolce e humel creatura,
chi gran richeze a voi laxee1
einpiegasti2 in porvetae,
a mendigui sovegnando,
8semper a De proximando;
en la corpaa fosti3 e acussaa
e a un tyrano apresentaa
de quela gente pagana,
12per zo che voi eri crestiana.
per mantegner vergenitae
avesti grande aversitae;
tanto ve vossem perseguir
16per virginitae vostra rompir,
voiandove partir da De,
e voi tira in logo re
unde chaschaun de lor
20far ve posse desenor;
che tuta soa forza missem
a zo che eli ve perventissem,4
per zo che voi li confondeivi
24chon le raxon che voi dixeivi.
ma De chi sa soi servior
e aprestao secoreor
con lo so Spirito Santo;
28unde fermamento tanto,
che ni corde5 ni con cavi
ni con boi ni homi bravi,
de lo logo unde voi staxeivi
32e fermai li pei teneivi
ne ve poen mai stramuar
per dever con voi peccar:
che nexun inzegno var
36un De vor contrariar.
contra voi lo fogo ardente
e atre penne incontenente
fone6 amortae, como De vosse
40chi da conseio in tute cosse.

[p. 168 modifica]

per la quar7 in la per fin
da queli peccaor meschim
d un fer iao pozente8
44fosti scana in presente,
en cel fazando habitanza
unde e ra9 nostra speranza;
e tosto puni lo Creator10
48li nostri11 tuti noxeor.
santa vergem benastrua
chi sei tanto a De piaxua,
elo per voi scampa no degne12
52de tute cosse maregne;
e in si so amor ne ferme,
chi no manche e no merme,
ch a lo so regno ne conduga
56unde so splendo reluga.


Note

  1. V, 5. laxae
  2. 6. scritto e in piegasti; leggi empiegasti.
  3. 9. così il ms. Forse: e acorpaa fosti.
  4. 22. pervertissem. Questo verso nel codice sta, per isbaglio dell’amanuense, dopo i due susseguenti (23-4). Due punti (:), segnati a destra di esso, avvertono dell’errore. Altri segni ( // ) sono preposti, per lo stesso fine, ai due versi 23, 24.
  5. 29. con corde.
  6. 39. fom.
  7. 41. per la quar cossa?
  8. 43. ponzente.
  9. 46. ms. unde era.
  10. 47. l’e di creator non è intiera, e somiglia ad un i.
  11. 48. vostri.
  12. 51. scritto ndegne, ma
    sopra il primo n è un piccolo o con un’appendice. È piuttosto un semplice o che e od oi.