Archivio Glottologico Italiano, vol. II, 1876/Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV/XXVII. De non confitendo in hac vita seu in iuventute

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXVII. De non confitendo in hac vita seu in iuventute

../XXVI. Contra quedam detractorem ../XXVIII. Non tardes ad bonum opus IncludiIntestazione 3 marzo 2014 75% Da definire

XXVII. De non confitendo in hac vita seu in iuventute
Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - XXVI. Contra quedam detractorem Lagomaggiore, Rime genovesi della fine del secolo XIII e del principio del XIV - XXVIII. Non tardes ad bonum opus
[p. 201 modifica]

XXVII.

De non confitendo1 in hac vita

seu in iuventute (ivi).


Tu homo chi vai per via
san e zovem e fresco,2
non andar per vie torte
4como nave senza guia.
che, se lo mundo par che ria

[p. 202 modifica]

e vita longa deporte,3
aspeita de doe xorte
8o veieza o marotia.
doncha faza vigoria
no te ingane ni conforte;
ni re vento alcun te porte
12donde in dere alcun no sia.
lavora fin che n ai baylia
anti cha l ora te straporte;
ni aver alcuna aya
16donde no se po dar storte.
tuta la scritura cria:
poi che seram serrae le porte,
za no sera chi te reporte
20a remendar chi marvaxia.
e no te digo boxia
chi vanamenti te conorto:4
se poi tornam gente morte
24quelli chi sum passai ne spia. Amen.


Note

  1. XXVII, tit. confidendo.
  2. 2. la rima vuol forte anziché fresco.
  3. 6. ms.: de porte.
  4. 22. conorte. Il ms.: coŗnorto. Il puntino sotto il r ci avverte che fu scritto per isbaglio. Così pure altrove.