Autobiografia (Monaldo Leopardi)/Capitolo XXII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo XXII

../Capitolo_XXI ../Capitolo_XXIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Autobiografie

Capitolo XXI Capitolo XXIII



Miei congiunti


Trovandomi a parlare dei miei congiunti voglio ricordare tutti quelli che componevano la famiglia quando ne assunsi il regime. Mia Madre, il canonico Carlo mio prozìo, Luigi, Pietro, Ettore, Ernesto, miei zii fratelli di mio padre, Vito fratello mio, e Ferdinanda mia sorella già uscita dal Monastero. Di tutti dirò qualche parola a suo luogo. Inoltre stavano in casa e ad una mensa con noi, il mio institutore D. Giuseppe Torres, il mio buon Ferri Cappellano, D. Vincenzo Diotallevi pedante, e il Canonico Pascal francese emigrato che i miei congiunti avevano raccolto per carità. Con tutta questa gente io vissi sempre in pace perfettissima, e non sognai di ascriverlo a merito di quelli o mio, supponendo che in veruna famiglia si potesse vivere diversamente. Allorché in seguito internandomi nelle case degli altri, ho conosciuto con quanta facilità rimane alterata l’armonia domestica ho rilevato che i miei congiunti erano buoni assai, e che io aveva usata talvolta una prudenza più matura della età.