Bisanzio è in man dell'Arabo ladrone

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Battista Ciapetti

B Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Bisanzio è in man dell'Arabo ladrone Intestazione 26 agosto 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Gio. Battista Ciapetti


[p. 109 modifica]

V


Bizanzio è in man dell’Arabo ladrone,
     Bizanzio dell’Impero antica sede;
     L’ltalia il sa, ride l’Italia e il vede,
     Come non abbia sopra lei ragione.
5Or l’Empio in riva al Mar nuove dispone
     Guerriere navi a far l’usate prede:
     Che fa l’Italia? Neghittosa siede,
     E il crin fra sccchi lauri orna e compone.

[p. 110 modifica]

Pensa ella forse, che l’onor si spegna
     10Fatta lei serva, l’alto onor di Dio,
     Onde costretto a conservarla ei vegna?
Pur sa, ch’ei piove sopra il Giusto, e il Rio;
     E che immenso qual era, oggi ancor regna,
     Gerusalem perduta, ov ei morìo.