Bramante poeta/XIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Donato Bramante

Sonetto XIX ../XVIII ../XX IncludiIntestazione 7 settembre 2016 100% Da definire

XVIII XX
[p. 40 modifica]

XIX.



     Messer io non so far tante frappate
Nè vendervi vesciche per lanterne,
Che negli enigmi il ver mal si discerne:
4Per tanto io parlerò, sì che intendiate.

     Erno le calze mie tutte stracciate
Unte più che tovaglie da taverne
Tal che i ginocchi per pietà fraterne
8L'un pianse ad un balcon, l'altro andò frate.

     Elle han messo appetito a più d'un sordo,
Vedendole aprir gli occhi in sul sedere,
11Delle mie belle carni fatto ingordo.

[p. 41 modifica]


     Or questi dì ch'io son stato a giacere
Col corpo infermo e col cervel balordo
14N'ho fatto manteghete da crestere

     Sperandone anche avere
Da voi un par, sì come siete usato,
17Ch'amor, dal canto mio, non è mutato.