Canti del Friuli/Rodogauso longobardo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rodogauso longobardo

../Sulla terrazza del Castello di Colloredo ../Nella Pineta di Belvedere IncludiIntestazione 6 aprile 2011 100% Da definire

Sulla terrazza del Castello di Colloredo Nella Pineta di Belvedere
[p. 23 modifica]
Canti del Friuli 0084-1.jpg



Per la strada di Ragogna,
ne la gran notte stellata,
tutta d’armi risonante,
4va la fiera cavalcata.

La precede a rompicollo
su di un misero ronzino
Vitichindo traditore,
8che del re fu paladino.

« Su d’Osoppo buona gente,
arimanni e masnadieri,
presto in arme, alle bertesche
12su correte dei manieri.

Vien dal colle ruïnosa
una fiera cavalcata
verso Osoppo, e si prepara
16una assai dura giornata.

[p. 24 modifica]


Gigli d’oro ha sugli scudi;
ma le spade ha d’acciar fino,
e la guida il buon Orlando
20di re Carlo paladino. »

Arimanni e masnadieri
balzan tutti spaventati,
suonan le armi, ed in gran fretta
24i destrieri son sellati.

Rodogauso longobardo
tutti a sè chiama dintorno,
mentre insanguina le nubi
28ad oriente il nuovo giorno.

Ei cavalca un caval nero,
ed ha nero il grande scudo,
l’asta ha in pugno, al fianco l’azza,
32ed il bianco capo ha nudo.

« Arimanni e masnadieri,
egli dice, e bravi aldioni,
che da mesi e mesi siete
36rotti a tutte le tenzoni,

[p. 25 modifica]


che da mesi e mesi in arme
vigilate, e delle stelle
al bagliore, il capo stanco
40riposate su le selle,

ecco spunta la giornata
della vita o della morte;
sulla punta delle lance
44oggi sta la nostra sorte.

Non ripari, non bertesche;
il buon dritto con noi sta,
vinceremo o moriremo
48per la santa libertà ».

Ed il fiero capo bianco
del gran nero elmo coperto,
varca il fosso del maniero
52per pugnare in campo aperto.

Segue tutta la masnada
stretta dietro al suo signore;
sol rimane tra le mura
56Vitichindo traditore.

[p. 26 modifica]


Dalla strada di Ragogna,
tutta d’armi risonando,
viene intanto la furiosa
60cavalcata di Rolando.

Una selva par di lance
nell’aurora scintillante,
sembra un muro di palvesi,
64che si avanzi sfolgorante.

Sembra un’onda di procella
ogni groppa di destriero;
ogni selce ha una scintilla
68tra la polve del sentiero.

La montagna ne rimbomba,
ne rimbomba la vallata.
Come nembo ruïnoso
72vien la fiera cavalcata.

Ma sul prato rosso e azzurro
di papaveri e viole,
la masnada longobarda
76sta schierata in faccia al sole.

[p. 27 modifica]


Sulla punta delle lance
corron fremiti e faville,
sprizzan lampi dagli scudi,
80dalle spade a mille a mille.

Ecco, sopra il caval nero
Rodogauso, a capo chino,
primo corre a vibrar l’asta
84su Rolando paladino.

Dietro a lui, serrata e folta,
la masnada si disferra.
L’aria trema, al grande cozzo
88par che tremi anco la terra.

Tutto il giorno d’arme suona;
ma al tramonto sovra il prato
giacque alfin d’Orlando al piede
92Rodogauso insanguinato.

Nel gran petto duo gran varchi
Durendala aperti avea;
dalle orribili finestre
96il cadente sol ridea.

[p. 28 modifica]


E il gran corpo abbandonato
tra papaveri e viole,
nella pace della morte
100riposava in grembo al sole,

quando ai merli del maniero
ributtante apparve fuor
appiccato per la gola
104Vitichindo traditor.



Canti del Friuli 0039.jpg


[p. 29 modifica]

Nota. — È tradizione che Orlando paladino uccidesse presso Osoppo Rodogauso, ultimo duca longobardo del Friuli, che seguiva la parte di Adelchi contro i Franchi invasori.