Chi fosse sano di dentro e di fuore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Tommaso Crudeli

XVIII secolo C Sonetto caudato Letteratura Chi fosse sano di dentro e di fuore Intestazione 19 luglio 2014 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Sonetto sopra un festino del medesimo


Chi fosse sano di dentro e di fuore,
e gl’increscesse di star troppo bene,
s’egli non è un matto da catene,
vada al festino del Vicerettore.

5Tu trovi un uscio senza corridore
e una scala per romperti le rene,
che ti gonfia benissimo le vene
e ti tiempie tutto di sudore.

In cima e in faccia a quella è un finestrino
10di dove in dolce modo assottigliato
esce, per agghiacciarti, un ventolino.

Qui s’entra nel salotto deputato,
dove, se tu t’appoggi a un tavolino
o a una sedia, eccoti storpiato.

15Chi poi fosse temprato
d’oro in aceto, e fosse stato forte
a questi tre bei risichi di morte,

avrà la bella sorte,
se si trattiene almeno almen due ore,
20di poter vomitar l’anima e il cuore

medïante un liquore
che sembra consumato alle brigate
d’un par di brache sudicie d’un frate,

le quali siano state
25dieci ore in un bel piccolo paiolo
a borbottar coll’acqua a solo a solo.

Su dunque, io ti consolo,
tu che cerchi malan col fuscellino,
non ti lasciar fuggir questo festino.