Chi vedesse a Lucia un var capuzzo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Guido Guinizzelli

XIII secolo C sonetti duecento Chi vedesse a Lucia un var capuzzo Intestazione 18 settembre 2008 75% sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
Chi vedesse a Lucia un var capuzzo
in cò tenere, e como li sta gente,
e’ non è om de qui ’n terra d’Abruzzo
che non ne ’namorasse coralmente.

5Par, sì lorina, figliuola d’un tuzzo
de la Magna o de Franza veramente;
e non se sbatte cò de serpe mozzo
come fa lo meo core spessamente.

Ah, prender lei a forza, ultra su’ grato,
10e bagiarli la bocca e ’l bel visaggio
e li occhi suoi, ch’èn due fiamme de foco!

Ma pentomi, però che m’ho pensato
ch’esto fatto poria portar dannaggio
ch’altrui despiaceria forse non poco.