Cuore (1889)/Luglio/L'ultima pagina di mia madre

Da Wikisource.
Luglio - L'ultima pagina di mia madre

../ ../Gli esami IncludiIntestazione 28 novembre 2014 100% Romanzi

Luglio - L'ultima pagina di mia madre
Luglio Luglio - Gli esami


[p. 326 modifica] [p. 327 modifica]

LUGLIO




L'ULTIMA PAGINA DI MIA MADRE

1.o, sabato

L’anno è finito dunque, Enrico; ed è bello che ti rimanga come ricordo dell’ultimo giorno l’immagine del fanciullo sublime, che diede la vita per la sua amica. Ora tu stai per separarti dai tuoi maestri e dai tuoi compagni, e io debbo darti una notizia triste. La separazione non durerà soltanto tre mesi; ma sempre. Tuo padre, per ragioni della sua professione, deve andar via da Torino, e noi tutti con lui. Ce n’andremo il prossimo autunno. Dovrai entrare in una scuola nuova. Questo ti rincresce, non è vero? perché son certa che tu l’ami la tua vecchia scuola, dove per quattro anni, due volte al giorno, hai provato la gioia d’aver lavorato; dove hai visto per tanto tempo, a quelle date ore, gli stessi ragazzi, gli stessi maestri, gli stessi parenti, e tuo padre o tua madre che t’aspettavano sorridendo; la tua vecchia scuola, dove ti s’è aperto l’ingegno, dove hai trovato tanti buoni compagni, dove ogni parola che hai inteso dire aveva per iscopo il tuo bene, e non hai provato un dispiacere [p. 328 modifica]che non ti sia stato utile! Porta dunque quest’affetto con te, e dà un addio dal cuore a tutti quei ragazzi. Alcuni avranno delle disgrazie, perderanno presto il padre e la madre; altri moriranno giovani; altri forse verseranno nobilmente il loro sangue nelle battaglie, molti saranno bravi e onesti operai, padri di famiglie operose e oneste come loro; e chi sa che non ce ne sia qualcuno pure, che renderà dei grandi servigi al suo paese e farà il suo nome glorioso. Separati dunque da loro affettuosamente: lasciaci un poco dell’anima tua in quella grande famiglia, nella quale sei entrato bambino, e da cui esci giovinetto, e che tuo padre e tua madre amano tanto perché tu ci fosti tanto amato. La scuola è una madre, Enrico mio: essa ti levò dalle mie braccia che parlavi appena, e ora mi ti rende grande, forte, buono, studioso: sia benedetta, e tu non dimenticarla mai più, figliuolo. Oh! è impossibile che tu la dimentichi. Ti farai uomo, girerai il mondo, vedrai delle città immense e dei monumenti maravigliosi, e ti scorderai anche di molti fra questi; ma quel modesto edifizio bianco, con quelle persiane chiuse, e quel piccolo giardino, dove sbocciò il primo fiore della tua intelligenza, tu lo vedrai fino all’ultimo giorno della tua vita, come io vedrò la casa in cui sentii la tua voce per la prima volta.

Tua Madre


GLI ESAMI

4, martedì

Eccoci finalmente agli esami. Per le vie intorno alla scuola non si sente parlar d’altro, da ragazzi, da padri, da madri, perfino dalle governanti: esami,