De le false scuxe ke fano li homini

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Bonvesin de la Riva

XIII secolo D poesie duecento De le false scuxe ke fano li homini Intestazione 18 settembre 2008 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
     Molti homini in questa vita se dano excusatione
ke elli seraveno boni, ma dixeno che non pono,
perzò che avere non voleno brega né passione.
Oy Deo, como quilli sono mati che troveno tale caxone! 4

     Elli aveno ben sofrire e brega e passione
per accatare pecunia on qualche possessione,
elli se mettaraveno a morte e lo so corpo a bandone,
ma li beni de vita eterna aguadagnare non pono. 8

     Non pono perché non voleno. Yo vedo che uno mercadante
se mete al trato de la morte passado lo mare sì grande;
se bene el torna a casa richo e confortante,
quen piceno tempo el gode le soe richeze cotante! 12

     E l’omo se vole excusare che aguadagnare non possa
li beni del paradixo, richeza grande e grossa,
ke may non ge mancarave e che è sì stabile cossa,
ma correno poxe l’ombra che li mena a l’alta fossa. 16

     La maiore parte de li homini, secondo ke me pare vixo,
de li altri beni più curano cha del paradixo,
senza lo quale poxe la morte nessuno pò essere gavixo,
ma sempre serà lo misero de grande dolore conquixo. 20

     Alcuno se vole excusare, lo quale prende a dire:
«La povertà de l’omo me fa tanto ingramire
ke yo in penitentie non posso perfinire;
eio son in tanta angustia non lo poreve vertire. 24

     Se Deo me avesse prestato de le cosse in complimento,
eio me dareve brega e grande adopramento
de avere reposso a l’anima poxe lo meo diparimento;
la mia grande miseria me fa stare veninento. 28

     Eio vedo qui uno homo che è desliale e traditore:
la avere ge sopra avanza e vive senza lavore;
que ho yo più offexo al nostro creatore
ke yo son sempre povero e vivo con grande sudore?» 32

     A questo si te respondo: «Ben so que te ave piaxere:
tu ben volisse qui cenare e meglio giaxere,
e stare drudo e richo secundo lo tuo volere,
e poi in paradixo sagolo e caldo volissi godere. 36

     Non voy qui stare de povertate conquixo,
ma voy a la manescha avere qui paradixo,
e stare ben axiato e essere ben gavixo,
e cossì sarisse bon homo, secondo ch’el t’è devixo. 40

     Ma sapie ben per certo che ’l paradixo se accata
pre grand amaritudine, pre brega e per barata;
non trovo che li apostoli, che fon de sì nobele sgiata,
cercasseno qui richeza né delectanza mata. 44

     Tu te lamenti qui de la povertate mondana,
e imperzò voy perdere li beni de la corte soprana;
digando cotali parlare tu parli gran matana:
se tu ge pensi ben sopra, la tua scusa è vana. 48

     Se tu sey qui misero e povero e besognoxo,
de zò tu te di’ dare brega e essere più curoxo,
de fare che poxe la morte tu sie divitioxo,
ke tu possi essere beato, allegro e confortoxo. 52

     Tu ben staristi voluntera un tempo in povertade,
e portaristi in paxe la grande necessitade,
per accatare regname, thexoro e dignitade,
ke in breve strapassaraveno, e che son pur vanitade. 56

     Più volentera tu di’ portare un pocho in paxe
desnore e desaxio e zò che al corpo despiaxe
per accatare a l’anima possessione veraxe;
per povertade che tu habij, zamai non sie malvaxe. 60

     Ma lassa fare lo altissimo de ti pur zò ch’el vole,
e ch’el te daga de le cosse, o che el te le tole;
el sa que te besogna; pur porta in paxe con lo core,
e sie contento in tuto ch’el faza zò ch’el vole. 64

     Quando tu venisse in lo mondo, se tu volisse pensare,
nïente ge portasse e niente ne poy portare;
Deo te ha metudo in lo mondo perzò che tu di’ curare
de aguadagnare thexoro che may non pò mancare. 68

     Non te ha metudo in lo mondo a quello intendimento
ke tu debij essere sollicito né de oro né de argento,
ma te ha pur dato la zapa che tu lavori a tempo,
azò che quando ven la sira ti habij lo pagamento. 72

     E fame e sede e fredo portare deverisse voluntera
per aspectare da sira la pagasone lengiera;
allora firay pagato de ben in tal maynera
ke tuto seray richo andando poxe bona terra. 76

     Uno dì si è la vita, la sira serà zà tosto,
de tute le brege del mondo che tu seray remosto;
per povertade ke tu abij zamay non sii commosto,
ké tosto serà la sira che l’anima averà reposso. 80

     Melio è la poverta del povero che è benigno
ka tute le grande richeze del peccatore maligno;
le soe richeze qui ge fin zà date per pigno
de quello istesso bon fructo che fa lo misero pregno. 84

     Ma lo pagamento grandissimo del povero patïente
ge fi salvato a hora in corte de lo omnipotente;
aoncha pur confortate e lavora francamente,
la povertà del corpo a l’anima è bon presente. 88

     Lo avere e la grandeza e lo mondano honore
non è se non un sogno che se sogna el peccatore,
e quando el se desvegia perduto have el so lavore,
in mane niente se trova, se non pena e dolore.» 92

     Alchuno si è du quilli che trova tale excusanza
e dixe: «Li ieiunij me fano desconsolanza
non posso afflizere la gola, non volio querire pesanza
fine a tanto che yo posso godere e stare in delectanza.» 96

     A ti volio respondere in zò che tu ahy parlato:
«Per li bochoni de la gola Adam fu descazato
dal paradixo terrestre, per quallo malvaxo peccato,
e tu a quello exemplo devrissi essere predicato. 100

     La gola molta fiada tu bene afflizerissi,
se grande thexoro al mondo aguadagnare podissi,
ke poca everave durata, se tal ben possedissi;
de la afflictione de la gola zà non te lamentarissi. 104

     Ma per trovare el thexoro de la terra de li viventi,
ke te farave mestere in li toy novissimi tempi,
quando te mancareve lo avere e li mondani parenti,
non voy afflizere la gola de la quale tu te lamenti. 108

     Tu magni, a ti sciente, atossegato conducto;
perzò ch’el trà in dolze, trop è lo to core straducto;
per fin che per l’ombra, per marcessibile fructo,
la veritade perde e lo eternal conducto. 112

     Per consolare la gola tu perdi l’anima e ’l corpo,
tu perdi li conducti de lo eternale conforto:
per consolare uno membro, che tosto romane al porto,
tu voy che’l copro e l’anima sia destructo e morto. 116

     Poniamo che tu avisse sede e fossi ben famolente,
e fossi metuto a mensa pur del pane muffolento,
e de aqua che fusse turbida senza altro condimento,
e te ne devisse pascere mangiando per grande talento. 120

     Se quando tu fossi sadollo avissi intendimento
de avere uno grande regname soto tuo destrenzimento,
non te farave male del cibo e non farisse lamento,
ma te sadolarisse per forza e per talento. 124

     Zà non te infenzaristi del cibo che fosse axevele,
pensando e aspectando la promissione valievole;
in tanto averisse lo core zoioxo e allegrevole
de avere poxe el pasto regname compiaxevole. 128

     Adonca maiormente tu non deverissi essere fievele
a soffrenare uno poco la gola tribulevole,
azò che poxe el pasto, che tosto è strapassevole,
podissi avere regname dolcissimo e godevole. 132

     La tua vita breve, che poco averà durata,
a un solo pasto si pò fi comparata;
afflize la gola in tanto, che è tanto delicata,
azò che tu abij de poxe richeza apprexïata. 136

     Tosto levaray dal pasto che l’anima serà beata,
in streta patientia se tu averay durata;
adonca non te incresca de fuzire la via larga
per accatare la gloria che may non fo cuntata.» 140

     Alcuno sì se lamenta de la corporale graveza,
e dixe: «Eio son sempre in dolia e in tristeza,
la infirmitade del corpo me tiene in tal dureza
ke yo curare non posso de la eternale dolceza.» 144

     A questo si te respondo, al to rencuramento:
«La infirmitade del corpo resana l’anima de dentro;
lo pizeno dolore descalza lo gran tormento,
ki lo sa portare in paxe per core e per talento. 148

     Tu di’ rengratiare lo omnipotente segnore
de la toa infirmitade e del corporale dolore;
luy sa quel che te besogna, luy sa que te è lo meliore;
or sij contento in tuto soffriando per grande amore. 152

     Aspecta in piceno tempo drueza e sanitade,
conforto e allegraza in la eternale citade,
se tu porti pur in paxe per bona voluntade
la corporale pexanza de la cura infirmitade. 156

     In quanto lo corpo ha pezo e ha più malatia,
in tanto aspecta l’anima drueza più complia,
e sanitade e gaudio, e gloria più floria,
ki el sa vedere, da Deo, stagando in soa via.» 160

     Altri è ke per vergogna de li domestici e de li parenti
non voleno fare penitentia con boni adoperamenti;
el ge serva zà devixo che li muri e li elementi
tut ge cridasseno dreto e ge fesseno schernimenti. 164

     Oy, quanti ne sono in lo mondo li quali per tale casone
non stano in penitentia! ben sono quelli bestioni,
perfin che in penitentia, trovando excusatione,
non fano che l’ana a soa avesse salvatïone. 168

     Oy Deo, quen mata scuxa ha l’omo che se defende,
k’el lassa per vergogna a fare lo soe vexende,
ke teme più la vergogna de la mondana zente
k’el non fa quello segnore chy è patre omnipotente! 172

     Se ello in questo mondo aguadagnare podesse
uno qualche grande thexoro che molto ge piaxesse,
zà per vergogna alcuna afrangio non ave ello esse
ke luy per amore de li homini grande brega non se desse. 176

     Zà per vergogna alcuna non lassarave fuzire,
ma grande vergogna in anze ben ave sostenire,
quando senza pericolo ello podesse ben inrichire
e accatare richezza che non pò permanire. 180

     Ben è quello homo adoncha mato e travacato
ke lassa per vergogna de alchuno ke sia nato
a fare che ello guadagna texore apprexiato,
a fare ch’el sia sempre maynente exaltato. 184

     Alchuno si trova scuxa del so tribulamento,
e dixe ch’el non pò stare in bono adoperamento
perzò ch’el fi tribulato e metuto a schernimento,
e ancora li soy medesimi non lo lasseno avere bon tempo. 188

     Se l’omo de questo mondo, che trova tal casone,
podesse agaudagnare thexoro e dominione
per brega e per barate e per tribulatïone,
in zò non ne ave torzere né trare lamentaxone. 192

     Ma per aguadagnare divine possessione,
li ben del paradixo che minuire nen se pono,
non vole portare incarego né tribulatïone,
ma tosto se scandeliza per picena caxone. 196

     In quanto l’omo ha più brega e più al mondo se dole,
tanto el se de’ più dare adoperamento e core
de fare che poxe la morte ello abia zò ch’el vole,
k’el abia bene e requie e dolzore che mai non more. 200

     Ki bene né consolanza non pò qui avere,
in tanto se de’ dare brega ch’el possa possedere
reposso a l’altro mondo onde el porà godere,
azò ch’el possa allora complire lo so volere. 204

     Ki perde da l’una parte, quello homo ha cognoscenza
almeno da l’altra parte el de’ fare sì ch’el venza:
in quanto l’omo è più tribulato, se ello ha pur ben soffrenza,
in tanto apsecta l’anima che averà maiore provenza. 208

     In quanto l’omo ha qui più brega e più batalia,
in tanto el pò più venze e fare che l’anima valia.
Deo è con li tribulati che portano grande travalia,
se loro portano pur in paxe la temporale batalia.» 212

     Alchuno se scuxa k’el non pò perdonare,
e dixe: «Le mie iniurie non posso yo portare;
el me è tento offexo non me posso yo condonare;
non me cure de penitentia fin che non me ho svengiare.» 216

     A ti volio respondere: «Yo fazo una tale domanda:
se quilli che te hano offexo fosseno promettando
uno grande avere mirabile e stare al to comando,
e tuti li damni appresso in dreto restituando; 220

     se tu non fossi durissimo e troppo amalvezato,
tu ben pardonarisse a zascunohomo che è nato,
se tuto lo to damno te fosse restaurato,
se grande avere ne devisse recevere senza peccato. 224

     Adonca maioremente tu perdonare deverissi
a quelli che te hano offexo, azò che tu podissi
recevere in paradixo li texori che te son promessi,
unde te firaven refacti li danni che te sono comessi. 228

     A quilli che ge hano offexo quello homo che ben perdona
Deo ge ha promisso thexoro e grande corona,
e ge refarà li damni che may li fé persona;
ki non remette a li altri, né Cristo a luy perdona. 232

     Quanto più te fi portato offensïone e dagno
in tanto, se tu perdoni, tu fay maiore guadagno,
ki non perdona a tuti, tropo è quello mato e zanio,
per accatare la patria onde è lo thexoro tamagno. 236

     La offensione terrena, che è pur una ombra leve,
a l’anima è tale servixio che dire non te’l poreve;
ki porta in paxe le iniurie, che passaranno in breve,
portando lo piceno passo porà fuzire lo greve. 240

     A perdonare qui quello homo che non descende,
perde uno grande aquisto e grande perduta prende.
Oy Deo, como male se svengia ki se medesmo offende!
Mato è ki per bischitio a Deo non vole attende. 244

     Svengianza dignissima non pò l’omo più bella
como è a rezerse ben e guardarse con cautella;
quello fa svengianza dricta lo quale a Deo se appella
e lo quale a li demonij con grande fervore rebella.» 248

     Alchuni si è de quilli che in li peccati dormilia,
perzò che la usura, che malamente lo impilia,
a rendere lo mal tolto tropo ge serave greve sentilia;
donde da li peccati zamay non se despilia. 252

     Oy Deo, como quello è ceco e mato e malvezoxo
ke perde per un convito thexoro maravelioxo,
ke perde per pizeno facto uno grande avere zoyoxo,
donde el devesse stare richo e confortoxo! 256

     Adonca maiormente ben è quello travacato
ke perde in paradixo lo thexoro aprexiato
per mantenire uxura, che poco permane in stato,
ke tosto cade in niente e da Deo è vedato. 260

     Non è homo vivo al mondo, ke sopra zò pensasse,
ke a rendere lo mal tolto ki non se spagurasse,
uno grande thexoro poxe questo da poy ch’el aspectasse;
le scuxe ke trovano li homini me pareno vane e casse. 264

     Tropo è quello bon dinaro del quale se trà guadagno
lo quale si salva el soldo, ke trà prode senza dagno;
ma quello ke trà descavedo, ke kaza l’omo de schagno,
ki quello tenire se sforza, tropo è quello mato e zanio. 268

     Zascuno in questo mondo, ke teme de rendere la uxura,
de zò deverave donca avere maiore pagura,
de perdere lo regname de la eternale dolzura;
mato è ki teme el poco e de lo assay non mete cura. 272

     Ki tuto lo mondo accata soto so destranzimento,
e a l’anima poy sostene desnore e detrimento,
comopoco ge pò essere caro lo so delectamento
s’el pensa ben in lo core del so avenimento! 276