De lunularum quadratura

Da Wikisource.
Anonimo

XV secolo D Matematica matematica De lunularum quadratura Intestazione 7 maggio 2008 75% Matematica

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Modo de misurare una figura biangula
contenta da due linee curve come si vedde la figura
1


Contro2 l'oppenioni de molti che dicono che le figure contente da linee curve e circulare perfettamente non3 si dà la loro quadratura, maximamente di quelle che sono portion de circuli, questo dicono al mio giuditio per la auctorità d'Aristotele che dice che quadratura circuli est scibilis, sed non scita4 quia est impotentia naturæ; et non potendosi dare perffettamente la quadratura del circolo, de qui argumentano essere impossibile il quadrar perfettamente le figure contente da linee curve seu circulare ut supra; pertanto io che perffettamente trovo la quadratura della figura qui depincta, zoè di quella biangula in forma di luna signata AB, dico, che se havessimo accurati indaghatori, che sì come la quadratura del circolo è impotentia de la nattura, che similmente5 serìa in quella de gli homeni6. Per il che nella7 ostenssione della quadratura della detta figura AB, prima notate due propositione de Euclide pertinenti alla declaratione, dirò del modo qui sottoscritto.

Prima propositione. Nel XII, proportione 2a

Omnium duorum circulorum est proportio alterius ad alterum tamquam proportio quadrati sui diametri ad quadratum diametri alterius.

Propositio8 nel II, n.° 46

In omni triangulo rectangulo quadratum quod a latere recto angulo opposito in semetipso ducto describitur æquum est duobus quadratis quæ ex duobus reliquis lateribus conscribitur.

De lunularum quadratura.gif

Dico che la quadratura della figura lunare ABEC9 serà proprio de superficie quanto è il triangolo ABC inscritto nel mezo circulo, nel qual triangolo entrano le due parti portione del circulo singulare10 AE et BD, le qual due parti sono quanto è le due portione de circulo AC et BC11 per la 2a del XII d'Euclide soprascritta et per la 46a del II. La prima propositione alegata manifestamente mostra che è dupla proportione fra il circulo ABCF et il circulo ABEH12 perché la costa del quadrato contento nel mazior circulo è diametro dell'altro circulo secondo, et qui anchora le cadde la 46a del II, che manifestamente mostra che sono in dupla13 proportione et la costa del quadrato posto nel secondo circulo è diametro del circulo minore zoè BCJD, che così vanosi proportionando fra loro et sempre in dupla proportione: seguita dunque che anche li quadrati posti nelli circuli fra loro sono in dupla proportione come si vede necessario e dunque che similmente le portioni de circuli siano fra loro in dupla. Ergo due portioni minori fanno14 una maggiore, zioè che tanto sono le portioni AC et BC gionte insieme quanto è la portione ABDE, quod est propositum: et nel formare il triangolo ABC gli entra in loco delle due portioni soprascritte AC et BC la portione del maggior triangolo zoè ABED, la qual tanto vale quanto le due minori. Manifestamente dunque si vede lo triangolo ABC punctualmente esser quanto la lunare15 figura, in per il che da questa figura quadrata potemo argumentare che come è trovato il quadrare questa figura lunare contenta da due curve linee, che similmente è possibile il quadrare il circulo.


Note

  1. In codice figura deest.
  2. Ms. Controntro.
  3. no.
  4. sita.
  5. smilmente.
  6. henioni? hemoni?
  7. ella.
  8. In Euclidis codice, qui fuit ex Alberti libris et nunc extat Venetiis in bibliotheca Marciana, latin. 39, classis VIII, propositio hæc est 46, lib, I, f.° 9.
  9. Ms. ABFG.
  10. DC.
  11. ABGH.
  12. Ms. dipla.
  13. fano.
  14. lionare.