Decameron/Giornata prima

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Proemio

../Giornata seconda IncludiIntestazione 6 dicembre 2017 100% Novelle

Proemio Giornata seconda
[p. 7 modifica]
comincia la prima giornata del decameron, nella quale, dopo la dimostrazion fatta dall’autore, per che cagione avvenisse di doversi quelle persone che appresso si mostrano ragunare a ragionare insieme, sotto il reggimento di pampinea, si ragiona di quello che piú aggrada a ciascuno.

Comincia la prima giornata del Decameron, nella quale dopo la dimostrazione fatta dall’autore, per che cagione avvenisse di doversi quelle persone, che appresso si mostrano, ragunare a ragionare insieme, sotto il reggimento di Pampinea si ragiona di quello che più aggrada a ciascheduno.
Ser Cepperello con una falsa confessione inganna uno santo frate, e muorsi; ed essendo stato un pessimo uomo in vita, è morto reputato per santo e chiamato san Ciappelletto.
Abraam giudeo, da Giannotto di Civignì stimolato, va in corte di Roma; e veduta la malvagità de’ cherici, torna a Parigi e fassi cristiano.
Melchisedech giudeo, con una novella di tre anella, cessa un gran pericolo dal Saladino apparecchiatogli.
Un monaco, caduto in peccato degno di gravissima punizione, onestamente rimproverando al suo abate quella medesima colpa, si libera dalla pena.
La marchesana di Monferrato, con un convito di galline e con alquante leggiadre parolette, reprime il folle amore del re di Francia.
Confonde un valente uomo con un bel detto la malvagia ipocresia de’ religiosi.
Bergamino, con una novella di Primasso e dello abate di Clignì, onestamente morde una avarizia nuova venuta in messer can della Scala.
Guglielmo Borsiere con leggiadre parole trafigge l’avarizia di messer Erminio de’ Grimaldi.
Il re di Cipri, da una donna di Guascogna trafitto, di cattivo valoroso diviene.
Maestro Alberto da Bologna onestamente fa vergognare una donna, la quale lui d’esser di lei innamorato voleva far vergognare.