Della congiura di Catilina/XXXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../XXXIII

../XXXV IncludiIntestazione 19 luglio 2010 100% Saggi

XXXIII XXXV

[p. 23 modifica]Quinto Marcio rispose loro: che quanto dal Senato chiedevano, posate le armi, a Roma supplichevoli andassero per ottenerlo: che i Padri ed il popolo sempre erano stati così pietosi e benigni da non mai essere invano richiesti. Ma Catilina nell’andarsene al campo, a molti consolari, e ad ogni ottimate scriveva: essere egli oppresso dalla calunnia; non poter resistere alla potenza dei nemici; costretto a cedere al suo destino, volersi confinare in Marsiglia, non per mala coscienza, ma perchè dalla di lui resistenza tumulti non nascessero e torbidi nella Repubblica. Molto diversamente scriveva a Quinto Catulo, che lesse in Senato la seguente sua lettera.