Della imitazione di Cristo (Cesari)/Libro I/CAPO VI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
VI. Degli appetiti disordinati.

../CAPO V ../CAPO VII IncludiIntestazione 12 aprile 2018 100% Da definire

Tommaso da Kempis - Della imitazione di Cristo (XIV secolo)
Traduzione dal latino di Antonio Cesari (1815)
VI. Degli appetiti disordinati.
Libro I - CAPO V Libro I - CAPO VII
[p. 13 modifica]

CAPO VI.


Degli appetiti disordinati.


1. Qualunque volta l’uomo appetisce alcuna cosa disordinatamente, ne diventa subito inquieto in se stesso. Il superbo, e l’avaro non hanno mai posa: il povero e l’umile di spirito vivono in abbondanza di pace. L’uomo che non ancora perfettamente è morto dentro di sè, leggermente è tentato, e vinto in cose picciole e vili. Quegli che dello spirito è infermo, e ancora in certo modo carnale, e alle sensibili cose inclinato, a stento si può interamente disviluppare da’ desiderj terreni. E per questo frequentemente porta tristezza, quando se ne ritrae; leggermente ancora si cruccia, se alcun gli contrasta.

2. Come poi egli abbia conseguito quello che brama, di presente dalla reità della coscienza è gravato; perchè egli ha seguitata la sua passione, la quale niente gli giova ad aver quella pace, che egli cercò. Resistendo adunque alle passioni, e non loro [p. 14 modifica]servendo si trova la vera pace del cuore. Non è dunque pace nel cuore dell’uomo carnale, e non in chi è dato alle cose esteriori, ma sì nello spirituale e fervente.