Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro quarto/7. Continua

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
7. Continua

../6. Teoderico e gli ostrogoti ../8. Continua IncludiIntestazione 15 aprile 2018 75% Da definire

Libro quarto - 6. Teoderico e gli ostrogoti Libro quarto - 8. Continua

[p. 106 modifica]7. Continua. — Teoderico poi ordinò, governò, estese il regno cosí, ch’ei si può dire il piú civile insieme e il piú grande dei re romano-barbari. Come quel d’Odoacre il governo di lui fu misto, duplice, de’ goti e de’ romani. Serbati alcuni, cacciati i piú de’ barbari precedenti, lor terzo di terre passò ai barbari nuovi; i romani non par che ne patissero altrimenti: sembra anzi in tutto migliorata lor condizione, accresciuta lor ingerenza. Goto il re, per vero dire, goto l’esercito, gote l’oltrepotenze, e quindi senza dubbio le prepotenze; ma romano il principal ministro del regno, Cassiodoro, romani molti altri minori; ed in ciascuna delle grandi cittá (aboliti allora o prima i duumviri) un graf goto a governare e giudicare i goti, un comes romano pe’ romani. Del resto, leggi e grandi raccomandazioni di esser buoni co’ romani, di vestire, radersi, vivere alla romana: i monumenti antichi di tutta Italia, que’ di Roma principalmente, visitati dal re, fatti serbare, restaurare; altri nuovi (a Ravenna principalmente) edificati; papi e vescovi rispettati; rispettata dal re e da’ suoi barbari, tutti ariani, la religione nazionale italiana, che fu dall’origine e sempre la cattolica. — Di fuori Teoderico, che non era un barbaro venturiero come Odoacre, ma della schiatta regia, anzi Ansa, cioè eroica e mitologica degli Amali, [p. 107 modifica] e portava la porpora, ed avea dato o fatto dare a parecchi sudditti suoi il titolo di patrizio, portato allora da parecchi re barbari, s’apparentò, trattò, guerreggiò con molti di questi, men da pari che superiore. S’apparentò coi re de’ borgognoni in Gallia, de’ turingi in Germania, de’ vandali in Africa, de’ goti in Ispagna, e con quel Clodoveo uno de’ re franchi, il quale allora appunto veniva sollevandosi sopra gli altri, e cosí fondando quella monarchia tanto minore allora, tanto piú durevole poi, che non quella di Teoderico. — Signor giá della penisola, della Sicilia, delle due Rezie e del Norico, incominciò nel 504 nuove guerre e conquiste. E prima, contro ai gepidi e bulgari in Pannonia, la quale conquistò fino al Sirmio; poi contra Clodoveo, che estendendosi avea sconfitto e morto a Poitiers [506] il re de’ visigoti, ed occupate tutte lor province di Gallia, tranne Provenza e Rossiglione. Teoderico salvò queste sí ad Amalarico re fanciullo figliuolo dell’ucciso, ma gli mandò a tutore Teuda uno de’ suoi conti; e pare che il facesse governare in nome suo, e prendesse egli titolo di re dei visigoti. Morto poi Clodoveo, continuò a guerreggiar co’ franchi e co’ borgognoni; ed insomma, o in nome proprio o del pupillo, vedesi Teoderico signoreggiare, intorno al 520, Illirio occidentale, gran parte di Pannonia, Norico, Rezie, Gallia meridionale e Spagna. La Theiss, il Danubio, il Rodano, la Garona erano limiti all’incirca del magnifico regno.