Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro sesto/13. Fine di Federigo I, Arrigo VI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
13. Fine di Federigo I, Arrigo VI

../12. Il secondo periodo della presente etá. Governo delle cittá ../14. Filippo e Ottone IncludiIntestazione 21 aprile 2018 75% Da definire

Libro sesto - 12. Il secondo periodo della presente etá. Governo delle cittá Libro sesto - 14. Filippo e Ottone

[p. 211 modifica]

13. Fine di Federigo I, Arrigo VI [1183-1198]. — Fin dall’anno seguente alla pace [1184], scese per la sesta volta Federigo I, e trattò e ottenne di maritar suo figliuolo Arrigo con Costanza figlia del gran Ruggeri, zia ed erede di Guglielmo II re di Puglia e Sicilia, che non avea figli. E cosí Federigo riacquistò con un matrimonio piú potenza in Italia a sua casa Sveva, che non ne avesser perduta egli e i suoi predecessori della medesima o della prima casa Ghibellina. Giá vedemmo il padre di Federigo avergli apparecchiato l’imperio, riuniendo le famiglie Guelfa e Ghibellina di Germania con un matrimonio; e con un matrimonio vedrem Federigo II acquistar diritti alla corona di Gerusalemme; onde si vuol dire che questa casa di Svevia precedesse casa d’Austria in quella politica matrimoniale, che fu a questa cosí felice. Ma allora ei si può dir pure, che quindi venissero le infelicitá, e finalmente la rovina ultima di casa Sveva. Perocché, anche alla politica rozza ed appassionata di quei tempi apparve chiaro il pericolo di lasciar gli Svevi potenti insieme nell’antico regno d’Italia o Lombardia, e nel nuovo di Puglia o Sicilia. Apparve a tutti gl’italiani, che non capaci d’idear l’indipendenza compiuta erano pure innamorati della libertá quale l’aveano: e quindi sorse la parte non piú solamente anti-imperiale in generale, ma anti-sveva, anti-ghibellina in particolare, cioè giá guelfa. E s’aggiunsero naturalmente a tal parte, e ne diventarono duci, i papi, pretendenti fin dall’origine alla signoria o supremazia del egno, tementi ora di tali vassalli imperatori. E quindi sulla antica inimicizia de’ papi e degli imperatori crebbe, irreconciliabile ormai, quella de’ papi del secolo decimoterzo e casa Sveva, la quale finí colla perdizione di questa; quell’inimicizia che può esser loro rimproverata da’ tedeschi e non da noi. — Intanto Federigo, o per questo nuovo interesse, ovvero perché ei fosse di quegli uomini che migliorano tra gli affari umani, e sanno adattarsi a ciò che combatterono ma vedono inevitabile, Federigo si mutò tutto in favor de’ lombardi, e in particolare de’ milanesi. Concedette loro nuovi privilegi, riedificò Crema, anzi si volse contro ai duri cremonesi che il voleano impedire; e i milanesi festeggiarono improvvidi quelle nozze fatali, princípi [p. 212 modifica]di tanti nuovi guai all’Italia. — Nel 1187, fu presa Gerusalemme da Saladino. Urbano III (successore giá ad Alessandro III morto nel 1181, e a Lucio morto nel 1185) ne morí, dicono, di dolore; e succedettero Gregorio VIII per un mese, e poi Clemente III, che concitò la cristianitá al gran riacquisto. Ne seguirono paci in tutta quella; in Italia stessa pacificaronsi, guerreggiarono concordi in Oriente, le emule Genova e Pisa: e Federigo I, presa la croce, per Ungheria e Bulgaria [1189] passò in Asia; conquistò Icona, e morí poi bagnandosi in un ruscello [1190]. Rendiamo onore a’ nostri avversari; fu uno de’ piú nobili, ed ultimamente de’ piú generosi che abbiamo avuto mai. Del resto, fu anch’egli uno di coloro che sprecarono le forze, la grandezza contro all’onnipotenza dell’opinione pubblica, del secolo. — Successegli Arrigo VI suo figlio, erede giá di Guglielmo II testé morto. Ma Tancredi, figlio naturale di Ruggeri, toglievagli il bel retaggio facendosi re. Quindi s’apre la guerra; Genova e Pisa armano per Arrigo; questi scende, ed è incoronato in Roma [1190] da papa Celestino testé succeduto. Poi muove contro a Tancredi, ma è respinto e risale a Germania, componendo per via una delle molte guerre che giá ferveano di nuovo tra cittá e cittá e signori in Lombardia. — Muore poi [1194] Tancredi; e allora Arrigo ridiscende, è riconosciuto re senza contrasto di qua e di lá dal faro; ma tiranneggia, spoglia i nuovi sudditi e fa piú che mai odioso il nome tedesco a quelli, a tutti gl’italiani, e a sua moglie stessa che dicono congiurasse contra lui. — Risalí nel 1195, ridiscese nel 1196, e morí a Messina nel 1197; lasciando lí regina Costanza, e giá incoronato re di Germania, d’Italia e di Sicilia il lor figliuolo di tre anni, Federigo II che fu poi miglior del padre, degno dell’avo.