Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro sesto/6. Lotario

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
6. Lotario

../5. Arrigo V ../7. Corrado II IncludiIntestazione 21 aprile 2018 75% Da definire

Libro sesto - 5. Arrigo V Libro sesto - 7. Corrado II

[p. 191 modifica]6. Lotario [1125-1137]. — I piú prossimi parenti d’Arrigo erano i figli di sua sorella, Federigo e Corrado, detti di Hohenstaufen dal castello lor nido originario, e di Svevia dal ducato che dicemmo dato a lor famiglia. Federigo pretese al regno germanico; ma prevalse nell’elezione Lotario di Suplinburga; e s’aprí la guerra. — Corrado scese in Italia [1128], e fu acclamato re da’ milanesi e dalle cittá loro aderenti, combattuto da Pavia e dalle cittá che la seguivano; ma non riconosciuto dal papa, ed abbandonato da’ milanesi stessi, tornò a Germania. — Morto papa Onorio [1130], fu eletto papa, e protetto da’ Frangipani e gli altri nobili [p. 192 modifica]romani, Innocenzo II; ed antipapa Anacleto, un discendente d’ebrei e figlio di Pier Leone, che era stato prefetto imperiale e potente ne’ turbamenti dei pontificati anteriori. Quindi a dividersi Roma, le cittá italiane l’una contro all’altra peggio che mai, la cristianitá. Anacleto ebbe per sé Ruggeri giá signor di Sicilia, or duca di Puglia e riunitore dei vari principati di que’ normanni, di cui non avemmo spazio a riferire (né crediamo abbia a dolerne a’ leggitori) tutti gli accrescimenti, le contese, le guerre, le successioni. Ora, Anacleto diede, o confermò, a Ruggeri [1130] il titolo di re. E quindi incomincia quel regno di Sicilia e Puglia, il quale non solamente è di gran lunga il piú antico, ma per sei secoli rimase il solo d’Italia (non contandosi giá quello di Italia propriamente detto, indissolubilmente unito all’Imperio); e che perciò trovasi da’ nostri scrittori chiamato semplicemente il «Regno». Nobilissima monarchia dunque senza dubbio! Nella quale è peccato solamente, che sia durata cosí poco questa prima dinastia normanna e sei altre ne sien succedute poi: mentre continuava una sola in parecchi principati europei, e fra gli altri, in quello, tanto piú umilmente e lentamente cresciuto, della monarchia di Savoia. Direm noi perciò, che sia vizio naturale, o del suolo, o degli abitatori? o peggio, celieremo noi, come fanno alcuni, insolentemente, quasi barbaramente, sulle tante rivoluzioni della «fedelissima» Napoli? No davvero. Parliam seriamente; la colpa fu molto meno di que’ popoli, che non di quelle stesse dinastie; le quali esse furono, che non seppero radicarsi su quel suolo cosí fecondo di tutto, contentarsi di esso, non cercar fortune lontane, non perdere il certo per l’incerto. Vedremo tra poco questi primi Normanni dar troppo male la loro erede a un figlio d’imperatori tedeschi, svevi; e gli Svevi poi, come imperatori, naturalmente aspirare a tutta Italia, a mezzo mondo, e soccombere a quel peso, aggravato, pigiato lor sulla testa, per vero dire, dalle nemiche mani de’ pontefici; poi soccombere gli Angioini al proprio mal governo, alle proprie divisioni; e spengersi gli Aragonesi nella prima casa d’Austria; e questa da sé, felicemente questa volta, ché il bel Regno, rimasto provincia lontana per due secoli e [p. 193 modifica] piú, ritornò a indipendenza sotto a’ Borboni; e passare non senza splendore un Napoleonide, ma spegnersi con Napoleone; e ritornare i Borboni, che Dio voglia far degni di durare. Evidentemente, in tutte queste mutazioni non è ombra di colpe popolari; son tutte colpe di principi, d’intiere dinastie, che alcune non seppero, altre non si curaron nemmeno di diventar siciliane, napoletane, o, per dir piú e meglio, italiane. Non s’inganni forse taluno per troppa erudizione. Perché non si trovano i nomi, le idee di patria, d’Italia, cosí sovente negli scritti de’ secoli addietro come del presente, non si creda perciò che fosse guari men necessario allora l’amar questa patria, l’esser buoni italiani. Queste idee sono molto utili senza dubbio a discutere, a rischiarare, queste parole a pronunziare e ripetere; ed è un bene, un progresso, che cosí si faccia ora, quando non si fa troppo ignorantemente od anche scelleratamente. Ma anche senza questi, che non sono insomma se non amminicoli, i popoli vollero e vorran sempre esser tenuti di conto, apprezzati, coltivati con attenzione, con amore da’ loro principi; e chi nol fece, chi attese ad altri o ad altro, chi non seppe nazionalizzarsi in qualunque nazione sua, italianizzarsi in Italia, sempre fu o cacciato o abbandonato da’ propri popoli, alla prima o alla seconda occasione; sempre vide esso, o videro i figliuoli o i nepoti, finire lor dinastia. Non saran forse inutili queste avvertenze a intendere le storie del Regno. — Ad ogni modo, cacciato da quell’antipapa Anacleto, papa Innocenzo rifuggí a Francia; e fiancheggiato da san Bernardo, gran teologo e filosofo scolastico di quella nazione, fu in breve riconosciuto da tutti, e da Lotario stesso, che è detto da un antico, «uom devoto al diritto ecclesiastico». — Sceso quindi questi [1132] per Val d’Adige, venne a Roma [1133], vi fu incoronato da Innocenzo in Laterano (essendo il Vaticano in mano dell’antipapa): e fatto con quello un trattato per la successione di Matilde, risalí in Germania. — Si rinnovarono allora, si accrebber le guerre tra cittá e cittá, tra parte e parte delle medesime cittá. San Bernardo tentò comporre una volta [1134] quelle di Milano ed altre di Lombardia; primo cosí o de’ primi di que’ monaci [p. 194 modifica]che a ciò s’adoprarono santamente, ma poco men che inutilmente ne’ secoli posteriori. — Lotario, libero giá della parte degli Hohenstaufen in Germania, ridiscese in Italia [1136], come pare, con un esercito piú forte del solito; assalí, prese Pavia, Torino, Bologna e molte altre cittá che gli contrastavano, sia che tenessero per l’antipapa, sia che gli chiudessero le porte per non pagare il «fodero» o viatico, e non cader negli altri carichi del viaggio imperiale e nelle contese dei dritti reciproci. Passò poi in Puglia contro Ruggeri sempre nemico del papa, e risalendo a Germania, morí per via [1137] in quel Tirolo, che rimarrebbe selciato, se non le avessero portate via, d’ossa tedesche. È lodato come buon imperatore. Ma si vede che gl’italiani non li soffrivano oramai né buoni né cattivi.