Dialoghi marini/13

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
13. Nettuno ed Enipeo

../12 ../14 IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Letteratura

Luciano di Samosata - Dialoghi marini (Antichità)
Traduzione dal greco di Luigi Settembrini (1862)
13. Nettuno ed Enipeo1
12 14
Enipeo.
Non istà bene questo, o Nettuno, a dire il vero: ingannarmi l’innamorata, prendendo le mie sembianze, e sverginarmela: ella credeva che glielo facessi io, però si stette.
Nettuno.
Ma tu, o Enipeo, eri uno sprezzante, un freddo con una sì bella fanciulla che veniva ogni giorno da te, t’amava perdutamente, e tu non te ne curavi, e godevi di affliggerla. Ella andava ruzzando sulle tue rive, entrava nell’acqua, spesso si lavava, si struggeva di essere teco, e tu la tenevi a badalucco.
Enipeo.
E che? E per questo tu dovevi rubarne l’amore, fingerti d’essere Enipeo invece di Nettuno, ed ingannar quella semplice fanciulla di Tiro?
Nettuno.
Tardi se’ divenuto geloso, o Enipeo, e prima eri sprezzante. Ma Tiro non ha sofferto alcun male, perchè ha creduto che il suo fiore l’hai tu avuto.
Enipeo.
No: chè tu glielo dicesti, andandotene, che eri Nettuno: e di questo ella si è più doluta; ed io sono offeso di questo, che tu t’hai goduto il mio, ed involgendo e nascondendo te e lei in un’onda porporina, t’hai beccata la fanciulla in vece mia.
Nettuno.
E sì, perchè tu te ne mostravi svogliato, o Enipeo.


Note

  1. Enipeo è nome di un fiume. Questa favola è narrata nel libro XI dell’Odissea. Luciano mette in canzone questa e molte altre favole narrate da Omero, non perchè ei le stimasse prive di bellezza poetica, ma perchè il volgo le teneva per vere e le credeva religiosamente.