Dizionario militare Francese Italiano/Degli ordini cavallereschi e militari/T

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
T

../S ../U IncludiIntestazione 5 novembre 2017 75% Da definire

Degli ordini cavallereschi e militari - S Degli ordini cavallereschi e militari - U

[p. 357 modifica] TABLE RONDE. Tavola rotonda. Il re Arturo fondò in Inghilterra quest’ ordine nel 516 per viemeglio stimolare all’ardore gli uffiziali suoi. Egli ne fissò al numero di ventiquattro i membri, facendo loro profferir giuramento per la difesa della Religione e dello Stato. Dopo un’impresa guerresca , ed appresso un torneo o qualunque altra festa , i cavalieri riunivansi intorno ad una tavola rotonda, appunto perchè fra essi non fosse corsa niuna distinzione.

TEUTONIQUE (Ordre). Ordine teutonico. Il quale ordine venne fondato nel 1190, ad imitazione degli ordini del Tempio e dell'Ospedale. a prò de'soldati tedeschi feriti nell‘assedio di San Giovanni d’Acri; e di fatti toglie il nome succitato appunto da‘ Teutoni o Tedeschi. Nell’ anno 1192 papa Celestino III lo approvò, ponendolo sotto la regola di Sant’Agostino. Per avere un dritto ad esservi ammesso era mestieri contare quindici anni per lo manco, dimostrarsi forte e robusto, giurare di appartenere a nobil famiglia tedesca , mantener strettamente l’austerità della vita prescritta dagli statuti, nè mica ammogliarsi. Pur nondimeno, alquanto tempo passato , l’ ordine andò dilungandosi dalle antiche sue prime costituzioni; anzi pervennesi a tale, di volgere contro la religione cattolica quelle armi medesime , le quali eran per giuramento deputate a difenderla e sostenerla. Nella quale stagione di tempo venne la sede dell‘ ordine trasportata in Mariental nella Franconia. E col trattato di Presburgo del dì 26 dicembre 1805 la qualità di granmaestro è stata conferita alla casa imperiale d‘Austria . La decorazione è una croce patente scorciata, di nero, orlata d'argento, la quale tiensi sospesa ad un nastro nero all' occhiello dell' abito. Ma ne’ di solenni fradittanto vestesi un manto bianco, ornato sul pezzo di una croce affatto simigliante a quella oramai descritta.

TEMPLIERS. Templari. Goffredo di Santo Omero ed Ugo de’ Pagani col soccorso di altri nove gentiluomini fondarono quest'ordine , avutane solenne licenza dal patriarca Guarimonte e dal re Baldovino II, formando in Gerusalemme uno stabilimento per mettersi insieme agli ospedalieri contro gl’ Infedeli , non che per custodire il tempio di Salomone. Per questo si ebbero il nome di cavalieri del tempio; ed acquistarono la protezione e la benevolenza de' re e de' magnati. Ma cotante ricchezze accumularono che alla fin fine l'altrui gelosia ebbeli perduti con assai funesta fine; stantechè il gran maestro Giacomo di Molay e parecchi altri cavalieri furon brugiati vivi nel 1313. Sopra un mantello bianco portavan essi una croce latina piana in ismalto rosso.

TÊTE DE MORT. Testa di morte. Nell' anno 1652 sorse in Germania questa cavalleresca istituzione per opera di Silvio Nemrod duca di Vittemberga Eller, il quale chiamò la madre sua a grande priora. Ma cominciata già a disparire, al battere del secolo passato , fu richiamata a novella vita da Luigia Elisabetta di Sassonia-Mersborgo. Dal quale tempo non vi furono annoverate che solo di quelle dame, le quali giuravano di privarsi di giuochi, di spettacoli, di vesti e di treni magnifici, e d‘ ogni maniera di sollazzo e di lusso. Il motto era questo:memento mori, che vedevasi inciso intorno alla testa di morte in ismalto bianco su fondo nero, ond’ era composta la decorazione.

TROIS TOISONS D’OR. Ordine de‘ tre tosoni d’ oro. Addì 15 agosto 1809 Napoleone creavalo con questi statuti. Cento grandi cavalieri , quattrocento commendatori e mille cavalieri vi erano annoverati : il principe imperiale avevane solo il dritto dalla nascita : gli altri principi della casa lo acquistavano o coll’ aver fatto parte di una guerra o coll'aver servito durante due anni, ed i ministri dopo dieci anni che avevan tenuto il portafoglio, o venti anni di esercizio , se eran solamente ministri dello stato. Niun’ altra persona poi poteva aspirarvi, senza aver combattuto e riportate tre ferite per lo manco. Per esser nominato gran cavaliere era mestieri aver supremamente comandato, sia in una battaglia campale , sia in un assedio , sia un corpo del grande esercito. Le aquile dei reggimenti i quali avessero fatto parte delle grandi battaglie, avevan dritto di essere insignite di quest’ ordine. Una sola croce di commendatore potevasi dare in un reggimento a colui fra i capitani o subalterni, il quale essendo stato al grande esercito, meritato avesse nota di bravissimo, ed una di cavaliere al soldato o sottuffiziale, cui [p. 358 modifica] competesse l’epiteto sovraccennato. L’imperatore, gran maestro dell’ordine, dispensava queste croci addì 15 agosto di ogni anno in un’ assemblea di grandi cavalieri. Ma rimase di dritto quest'ordine, perocchè nel fatto non ebbe vita niuna.

TOISON D'OR. Toson d’oro. Il duca di Borgogna Filippo il buono fondò quest’ordine in Bruggia addì 10 gennaio 1430 ad onore di Maria Vergine e dell‘apostolo Santo Andrea, non che per celebrare il suo matrimonio coll'lnfante Isabella di Portogallo. Gli statuti frattanto furon pubblicati nella seconda festa dell‘ ordine, ed un articolo di essi diceva che ove la casa di Borgogna non lasciasse eredi maschi , lo sposo della figliuola erede dell' ultimo sovrano ne sarebbe il capo. Dopo la morte di Carlo il temerario, l’unica sua figlia tolse in isposo Massimiliano arciduca d' Austria, che fu poi imperatore di Alemagna. E per ragione di questo parentado la sovranità dei Paesi Bassi insieme col granmaestrato dell'ordine del toson d'oro passò alla casa austriaca. Nel '1556,dappoichè Carlo V nipote del su citato Massimiliano, ebbe abdicato , la signoria de' Paesi Bassi e dell’ordine rimase nella branca spagnuola dell’Austria, estinta la quale nella persona di Carlo II in novembre del 1700 , e scoppiata la guerra per la successione di Spagna , Carlo III , poscia imperator Carlo VI ed il Re Filippo V fecero entrambi valere le ragioni loro sull'ordine. Ma Carlo, il quale cedendo le Spagne riteneva le Fiandre ,avea dal canto suo l'argomento fortissimo, che creato colà l‘ ordine del toson d' oro , non vi poteva egli rinunciare , anzi dichiaravasene capo legittimo. Di fatti muovendo di Spagna , con essolui menava gli archivi , e ritornato in Vienna nel 1713, con assai pompa ne celebrò il ristabilimento. D‘altra parte il re di Spagna Filippo annunziasi eziandio gran mastro del toson d' oro e protesta solennemente, correndo l‘ anno 1721 , contro i dritti usurpati di Carlo imperatore. La qual controversia rimase mai sempre indecisa; sicchè addì d'oggi entrambi i principi regnanti delle due case austriaca e spagnuola han facoltà di concedere quest‘ ordine. il quale è stato in ogni tempo riputatissimo, ed i suoi membri, i quali non son di numero determinato, precedono quale che sia persona della corte , salvo i principi reali. Richiedono gli statuti che sien cattolici i cavalieri del toson d' oro, e se non fossero o Sovrani od Austriaci. non potrebbero andar fregiati di altri ordini. Gli uffiziali sono : un cancelliere , un segretario , ed un re d’armi o araldo. Una volta portavano questi cavalieri sempre il collare figurato col motto: ante ferit quam flamma micet : oggi vestono un abito di ordinanza ne’dì di grandi cirimonie, e negli altri un nastro rosso li distingue , ligato o al collo ovvero all’ occhiello, cui è affidata l' insegna del vello col motto pretium non vile laborium.

TOISON D’OR. Toson d‘oro. Quest' ordine cavalleresco della Spagna ha sempre principio dalla fondazione ne' Paesi Bassi , siccome si è qui innanzi veduto.

TUNIS. Tunisi. Comunemente si crede. aver Carlo V fondato quest'ordine nel 1535 allora quando ricondusse Muley-Hassan sul trono tunisino. Due tronchi di smalto verto verde posti a croce di Santo Andrea, con in mezzo uno scudo d' oro in campo azzurro, eran sospesi ad una catenella d‘oro fregiala di pietre preziose.