Donne e Uomini della Resistenza/Angelo De Sena

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Angelo De Sena

Nato a Nola (Napoli) nel 1914, caduto nelle Marche, lungo il fiume Musone, il 17 luglio 1944, muratore, Medaglia d'oro al valor militare alla memoria.

Nel 1935 era stato chiamato alle armi in Aeronautica. Nel 1943 fu posto in congedo dopo una lunga malattia, seguita a ferite riportate in combattimento. Nel gennaio del 1944, De Sena si arruolò volontario nel 1° Raggruppamento motorizzato del ricostituito Esercito italiano. Assegnato poi al 68° Reggimento fanteria "Legnano", cadde eroicamente durante un attacco ad un fortino tedesco lungo il fiume Musone. "Valoroso esploratore di battaglione e costante esempio di volontarismo -dice la motivazione della massima ricompensa al valor militare attribuita alla memoria di Angelo De Sena - nel corso di un duro combattimento contro una munita posizione tedesca, individuata una mitragliatrice che aveva ucciso tre suoi compagni di pattuglia, l'attaccava decisamente, uccidendo due tedeschi. Colpiti a morte i due sottufficiali della pattuglia, assumeva il comando della stessa e la conduceva, con sangue freddo e perizia, all'attacco di altra postazione. Ferito ad un fianco, rifiutava ogni soccorso, continuando ad avanzare con mirabile slancio. Esaurite le munizioni, si gettava all'assalto della postazione a colpi di bombe a mano. Investito mortalmente da una raffica di mitragliatrice, cadeva sulla postazione avversaria conquistata, stringendo ancora in pugno l'ultima bomba a mano. Superdecorato di guerra, già distintosi in precedenti azioni per calma, capacità e sprezzo del pericolo. Fulgido esempio di dedizione al dovere fino al sacrificio".