Donne e Uomini della Resistenza/Candido Grassi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Candido Grassi

Nato a Udine il 15 giugno 1910, deceduto a Udine il 15 luglio 1969, professore di disegno.

Durante il secondo conflitto mondiale, aveva partecipato al ciclo operativo nei Balcani come capitano di complemento dei Bersaglieri. Proprio quell'esperienza lo convinse dell'assurdità della guerra e della brutalità dell'occupazione nazifascista. Al momento dell'armistizio, Grassi si trovava a Udine. Fu tra i primi ad organizzare i gruppi antifascisti locali e a sostenere l'opportunità di un insediamento partigiano sulle alture della città. Gettò così le basi di quella che sarebbe diventata la Brigata "Osoppo". Nata dall'accordo tra la DC, il Partito d'Azione e altri partiti del CLN udinese, la "Osoppo" (comandata dal professore, che aveva assunto il nome di battaglia di "Verdi"), operò per 20 mesi. Nell'Alto Friuli e nella pianura tra il Livenza e l'Isonzo, i partigiani di "Verdi" si batterono contro i nazifascisti accanto ai garibaldini organizzati dal Partito comunista. Fu proprio Grassi a proporre un ufficio di coordinamento tra le formazioni di diverso orientamento politico, mentre don Aldo Moretti teneva i collegamenti col CLN. Fu sempre "Verdi" che, durante le grandi offensive nazifasciste dell'autunno-inverno 1944, suggerì (basandosi sulla sua esperienza nei Balcani), la tattica che permise al grosso delle forze partigiane di evitare la distruzione. Nell'aprile del 1945, Grassi si trovò così a comandare cinque Divisioni "Osoppo", ordinate su 18 Brigate. Dopo la Liberazione Candido Grassi tornò all'insegnamento e alla pittura. Fu anche chiamato alla Sovrintendenza ai monumenti di Udine e fu pure eletto, per il PSI, consigliere comunale e provinciale. Soprattutto non dimenticò mai il periodo della Resistenza, alla cui memoria dedicò (come dirigente dell'Istituto per la Storia del movimento di liberazione nel Friuli-Venezia Giulia), importanti studi e ricerche. Al comandante della "Osoppo", hanno dedicato una strada a Rho. Nel maggio del 2007, a Udine, è stato presentato il libro di Licio Damiani e Luciano De Cillia Candido Grassi: l'uomo, il combattente, l'artista .