Donne e Uomini della Resistenza/Giovanni Bischi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni Bischi

Nato a Fermignano (Pesaro-Urbino) il 10 agosto 1922, deceduto a Fermignano il 19 febbraio 2013

Di famiglia repubblicana e antifascista, Giovanni Bischi ha 22 anni quando, trovandosi alla Scuola ufficiali di Padova, è fatto prigioniero dai tedeschi con i suoi commilitoni. In un momento di distrazione di una sentinella su un carro armato, riesce a scavalcare il muro di cinta della caserma alto tre metri e a dileguarsi nelle campagne circostanti. Rientrato a Fermignano, si schiera con i partigiani e collabora alla formazione del Fronte della gioventù.

Sono gli ultimi mesi del 1944 e Giovanni opera a Colle Antico, fra Pianello di Cagli e Umbertide, in provincia di Perugia. Il suo ruolo è prevalentemente di collegamento fra i vari nuclei di resistenti, partecipa a riunioni clandestine nelle cascine per l’organizzazione di atti di sabotaggio, come quello che fa saltare in aria un treno carico di munizioni. Rispetto all’insurrezione armata, però, Bischi è fautore di metodi più diplomatici, ma altrettanto efficaci, per il raggiungimento degli obiettivi. Si incarica, quindi, di prendere contatti con le autorità rimaste nel suo paese, il segretario comunale del fascio e il maresciallo dei Carabinieri, per assicurarsene la non ostilità. Intanto, alla fine del ’44, il suo nome è spifferato ai nazisti. Non riuscendo a catturarlo, viene arrestato suo padre Italo, che a suo tempo aveva sempre rifiutato la tessera del fascio, per essere fucilato a Forlì. Grazie ai contatti stabiliti con la sua azione di intelligence, riesce a far liberare il padre e altri nove prigionieri. Lui si rifugia a Ca’ Marino, nei dintorni di Fermignano. Nei giorni della Liberazione, altro frutto dell’opera di Giovanni è l’occupazione della locale caserma dei Carabinieri senza colpo ferire.

Nel dopoguerra svolse l’attività di maestro elementare ma fu, soprattutto, protagonista dell’amministrazione e dello sviluppo sociale e produttivo del territorio fermignanese. Assessore sin dal 1946, Giovanni Bischi è stato sindaco del suo paese ininterrottamente dal 1970 al 1990, oltre che Presidente dell’ANPI di Pesaro-Urbino e membro dell’Accademia Raffaello di Urbino.