Donne e Uomini della Resistenza/Lino Stabile

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Lino Stabile

Nato a Scodovacca di Cervignano del Friuli (Udine) il 25 febbraio 1926, caduto a Manzano (Udine) il 10 settembre 1944, ferroviere, Medaglia d'argento al valor militare alla memoria.

Ultimo di dieci figli di una famiglia di agricoltori della Bassa Friulana, aveva trovato un sicuro posto di lavoro nel personale viaggiante delle Ferrovie dello Stato. Ciò non gli impedì, poco dopo l'armistizio, di entrare nella Resistenza come partigiano ("Attila" il nome di battaglia), della Divisione Garibaldi "Natisone". Il ragazzo, che era inquadrato nel Battaglione "Mazzini" della Brigata "Gramsci", fu gravemente ferito durante un'azione contro carri armati tedeschi nella zona di Oleis. Catturato e finito sul posto, i nazifascisti ne portarono la salma a Lucinico (Gorizia) e barbaramente la impiccarono, lasciandola esposta come monito per la popolazione. Soltanto dopo la Liberazione i familiari poterono recuperare i resti del giovane e traslarli al paese natale. A Lino Stabile, decorato alla memoria, è stata intitolata una strada di Cervignano del Friuli.