Dubbj amorosi/Dubbio XXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dubbio XXVIII

../Dubbio XXVII ../Dubbio XXIX IncludiIntestazione 12 novembre 2011 100% Poesie

Dubbio XXVII Dubbio XXIX
[p. 22 modifica]
DUBBIO XXVIII.


    Confessando una vedova un Teatino
Nella carne sentia gran tentazione;
E per far stare il cazzo a capo chino,
Lo prese ad ambo man con divozione;
E tanto sù e giù scosse il meschino
Che sputò la bambaggia dal giupone,
E mandò la lussuria in precipizio,
Utrum se questo fu castigo o vizio?


[p. 23 modifica]
RISOLUZIONE XXVIII.


    Perchè bisogna quanto più si puote
Li scandali evitar dei sensi vani,
Il Teatin, che più soffrir non puote,
Per scandali schivar, gusti profani,
I desiderj e volontà corrote,
Si valse a raffrenar d’ambo le mani
La tentazion, ch’il molestava assai.
Onde vizio non fu trarsi di guai.