Dubbj amorosi/Dubbio XXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dubbio XXVII

../Dubbio XXVI ../Dubbio XXVIII IncludiIntestazione 12 novembre 2011 100% Poesie

Dubbio XXVI Dubbio XXVIII
[p. 20 modifica]
DUBBIO XXVII.


     Suor Marta la lussuria avea nel sesso,
E volendo la carne lacerare,
Prese un cazzo di vetro d’un commesso,
E con la potta cominciò a scherzare:
Ma spinta dal furor a un colp’istesso,
Volendo tutto dentro farlo entrare
Si ruppe la potta, e ’l cul che è peggio.
Utrum, se per far ben fè sacrileggio?


[p. 21 modifica]
RISOLUZIONE XXVII.


     Di medicina il principe Galeno
Dice, che nell’interne infiammazioni
Si deve col trar sangue ridur meno
Nel paziente le molestazioni;
Onde se per smorzar la rabbia appieno,
Che sturbar la potea dall’orazioni,
Suor Marta si sbregò ’l cul e la potta,
Sacrilega non fu, ma fu divota.