Ecco dell'uman germe e pura e bella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Angelo Antonio Somai

E Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Ecco dell’uman germe e pura e bella Intestazione 30 maggio 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Angelo Antonio Somai


[p. 385 modifica]

V


Ecco dell’uman germe e pura e bella
     La prima coppia allor, che vide il giorno:
     Quanta luce immortal di Lui, che fella,
     Le siede in fronte e le fiammeggia intorno!
5Ecco poi l’infelice, a Dio rubella,
     Già volge il tergo al suo nato soggiorno;
     Ahi più quella non sembra, e pure è quella;
     Tale il fallo v’impresse orrore e scorno.
Oh qual’opra, in cui diè spirto al colore
     10L’Italo Apelle, e ’l mosse incontro agli anni,
     M’apre scena or di gioia, or di dolore!
L’Uom com’era innocente, e senza affanni,
     Scorgo espresso in quei raggi, e in quell’orrore
     Tutti ravviso della colpa i danni.